Papa Francesco ad Assisi: L'arrivo in elicottero, la visita a piedi per abbracciare i fedeli - Tuttoggi

Papa Francesco ad Assisi: L'arrivo in elicottero, la visita a piedi per abbracciare i fedeli

Redazione

Papa Francesco ad Assisi: L'arrivo in elicottero, la visita a piedi per abbracciare i fedeli

Lun, 19/08/2013 - 12:22

Condividi su:


A piedi come un semplice pellegrino nella città del poverello. Così gli uffici del Vaticano hanno fatto sapere che Papa Francesco I ha intenzione di rendere omaggio alla città di Assisi nella visita del 4 ottobre prossimo. I preparativi fervono, tutta la regione è in fibrillazione. Si attendono oltre 30 persone nella sola Assisi e oltre 300 mila in tutta l'Umbria. La Regione intanto ha comunicato che donerà l'olio per la lampada votiva.

L'itinerario del Papa. Quello definitivo sarà reso noto alla fine del mese. Ma i sopralluoghi delle autorità del Vaticano e delle forze di polizia italiane stanno via via svelando alcune ipotesi. Intanto sembra escluso che il Pontefice arrivi in treno come il suo predecessore Benedetto XVI. Papa Francesco, non è mai stato ad Assisi, oltre che alla Basilica di San Francesco, vorrebbe andare alla Porziuncola (la terza chiesa restaurata da San Francesco e il luogo dove il Poverello d’Assisi morì), a Santa Chiara , e anche all'Eremo delle Carceri. Unica tappa già confermata la visita all'istituto Serafico di Assisi, La presidente del centro – specializzato nella riabilitazione, educazione e inserimento sociale di persone con grave disabilità plurima di tipologia sensoriale fisica e mentale – aveva personalmente consegnato una lettera al Pontefice il 12 giugno scorso. Poi la risposta ufficiale, positiva, tramite l'Assessore Pontificio mons. Peter Wells.

L’arrivo di Papa Francesco attira i pellegrini. Le stime più ottimistiche parlano di 30.000 persone nella sola Assisi e di 300.000 in tutta l’Umbria, che troveranno alloggio tra Assisi, Santa Maria degli Angeli e Bastia Umbra. Prenotazioni sono già arrivate da tutto il mondo, e principalmente sembrerebbe dagli Stati Uniti e dal sud America. Altissima l'attenzione dei media: tra televisioni, giornali e siti web, sarebbero giunte presso la Santa Sede oltre mille richieste d'accredito, numero certamente destinato a salire.

La sorpresa. C'è un'ipotesi che circola in queste ore, molto suggestiva e che certamente accrescerebbe il già immenso valore della visita di Papa Bergoglio ad Assisi e che riguarda la proclamazione a Santi di Papa Giovanni XXIII e di Giovanni Paolo II. L’annuncio della riconosciuta santità dei due predecessori potrebbe essere “un regalo” speciale che il Pontefice potrebbe porgere in una giornata già destinata a rimanere fissa nella memoria. Se davvero Papa Francesco proclamasse Santi Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II durante il suo pellegrinaggio da San Francesco, Assisi e l’Umbria sarebbero definitivamente consacrati a luoghi chiave della storia cattolica mondiale. Ma di impedimenti a questa ipotesi potrebbero essercene diversi. Secondo il Diritto canonico, infatti, per elevare una persona al ruolo di Santo è necessario che il Papa avvisi il vescovo della diocesi d’origine del prescelto, oltre a compiere altri passi obbligatori che richiedono tempo e organizzazione. Eppure la voce si fa insistente.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!