PANARIELLO : FACCIO DEL MIO MEGLIO - Tuttoggi

PANARIELLO : FACCIO DEL MIO MEGLIO

Redazione

PANARIELLO : FACCIO DEL MIO MEGLIO

Dom, 14/10/2007 - 19:53

Condividi su:


Mercoledì 17 ottobre al Teatro Nuovo di SpoletoE' Giorgio Panariello, uno dei maggiori beniamini del pubblico italiano, che inaugura mercoledì 17 ottobre alle 21, al Teatro Nuovo di Spoleto, la nuova stagione del Teatro Comico organizzata da LdE Produzioni. E' appena uscito dal set di “SMS sotto mentite spoglie”, il film che lo vede coprotagonista con Vincenzo Salemme, e il comico toscano (di origine fiorentina, ma versiliese di adozione) ha già ripreso il tour teatrale “FACCIO DEL MIO MEGLIO”, versione aggiornata dell'esilarante one man show che he nella passata stagione ha toccato quasi tutte le regioni d'Italia con ben 75 repliche. Un recital comico che affronta i vizi dell'uomo nella quotidianità, con il ritmo brillante che caratterizza gli spettacoli di Panariello, e, come è nel suo stile, con qualche pennellata di poesia. La formula dello spettacolo, firmato sempre dal regista Giampiero Solari, è invariata: in scena, insieme al mago del trasformismo Giorgio, ci sono il pianista Dino Mancino e un grande schermo dal quale entrano ed escono indisturbati alcuni fra i suoi personaggi più popolari, da Renato Zero a Naomo. Il tema dello spettacolo, l'incomunicabilità nell'era della comunicazione, è tutto meno che scontato, grazie allo stile divertente, coinvolgente e un po' poetico con cui Giorgio lo propone al pubblico, attraverso le imitazioni e i monologhi più riusciti del suo repertorio. Artista di grande spessore umano, dotato di grande umiltà e coraggio (come quello dimostrato nel 2006 presentando con grande personalità il Festival di Sanremo), di autoioronia e di grande rispetto per il pubblico, Panariello analizza i paradossi dell'era della comunicazione globale di internet e del digitale terrestre, dove comunicare con il nostro vicino di casa sembra essere diventata la cosa più difficile del mondo. Comunicare agli altri le nostre debolezze, parlare per risolvere una crisi di coppia, trovare le parole giuste per comunicare l'amore, è ormai un'impresa ardua. Eppure sono le parole il nostro grande dono. Sono le parole che compongono le canzoni, che raccontano le fiabe, che esaltano i poeti, che fanno compagnia quando c'è troppo silenzio. Il fatto è che oggi le parole si affacciano dai computer, rimbalzano dai satelliti, sono un messaggio sul tuo telefonino, passano dappertutto meno che dalla bocca. Grande trasformista, dotato di forte carica espressiva, Panariello si esibisce con disinvoltura sia in teatro che nel piccolo e nel grande schermo, riuscendo a manifestare in ogni contesto il suo talento a presa rapida, in virtù di quel trasformismo di cui è maestro impareggiabile. Giorgio Panariello in “Faccio del mio meglio”Spoleto – Teatro Nuovo, 17 ottobre 2007 – ore 21


Condividi su:


Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!