Palio del Fantasma 2018: vittoria senza ombre a Mercatello | Photogallery

Palio del Fantasma 2018: vittoria senza ombre a Mercatello | Photogallery

I biancorossi, sempre in testa, chidono la partita al primo match-point

share

Il Palio del Fantasma 2018 è di Mercatello che con una condotta di gara perfetta, senza ombre e senza dubbi, torna alla vittoria dopo tre anni dominati da Castel San Giovanni.
Il team biancorosso conquista così il suo nono Palio, record assoluto per questa competizione, grazie alla potenza del suo bravissimo corridore Claudio Giovannetti e alla preparazione dei suoi cervelloni, tra cui una menzione particolare va al Prof. Sammarco, che in questa edizione ha fatto davvero la differenza.
Castel San Giovanni si piazza al secondo posto, confermandosi un osso duro per tutti, ma di fatto non impensierendo mai Mercatello, che prende subito il largo e tiene poi tutti a debita distanza. Un Mirko Peruzzi sotto tono e un pizzico di sfortuna non hanno mai permesso ai biancogialli di insidiare Mercatello che con una accelerazione impressionante, brucia la seconda parte dello scacchiere e fa centro al primo match-point.
Per chi non lo sapesse infatti, il Palio del Fantasma è una sorta di grande gioco dell’oca, in cui i rioni avanzano su uno scacchiere di caselle che deve essere completato in maniera esatta. Vale infatti la regola del rimbalzo per cui se si è, ad esempio, a due caselle dalla meta e ci si aggiudica una domanda da tre punti, si rimbalza indietro di una posizione. Mercatello, invece. a cinque caselle dalla vittoria, azzecca consecutivamente una domanda da due e una da tre punti andando a vincere diretto e sparato senza alcun patema d’animo.
La disputa del Palio chiude la 29° edizione della kermesse di Castel Ritaldi, organizzata dalla Proloco del neo presidente Luca Terenzi, che alla sua prima esperienza da capitano ha molto ben figurato sia per capacità organizzative che per spunti innovativi, chiudendo la manifestazione con un ottimo numero di presenze complessive nelle serate di piazza e il record di coperti in taverna.

share

Commenti

Stampa