“PAESAGGIO DA CARTOLINA”, LA NUOVA INIZIATIVA DEL SERVIZIO TURISTICO DEI COMUNI DELLA VALNERINA

“PAESAGGIO DA CARTOLINA”, LA NUOVA INIZIATIVA DEL SERVIZIO TURISTICO DEI COMUNI DELLA VALNERINA

share

“Paesaggi da cartolina”, è questa la nuova iniziativa del Servizio Turistico Associato dei Comuni della Valnerina. Scatti degli splendidi paesaggi della valle del Nera diventano cartoline:  un’idea con scopo promozionale, ma soprattutto solidale. Il ricavato dalla vendita delle cartoline, infatti, verrà devoluto ai centri per disabili della Valnerina – con particolare attenzione per le associazioni di Cascia e Norcia. Trentadue i soggetti ritratti nelle immagini. Fotografie che immortalano il fantastico paesaggio della Valnerina nelle quattro diverse stagioni, ma anche scatti storici e immagini dei luoghi simbolo delle città della Valle del Nera. Il prodotto è in linea con gli altri realizzati dal Servizio Turistico Associato e risponde perfettamente alle esigenze dei turisti, sempre più interessati ad avere diversi scorci della Valnerina e immagini nuove. La Torre di Poggidomo, il panorama di Monteleone, la piana di Castelluccio, immagini in bianco e nero di bambini ormai adulti e di “vecchi” agricoltori, ma anche paesaggi simbolo delle città più significative della Valnerina quali Cascia e Norcia. Tutti i comuni sono rappresentati nelle cartoline che, inoltre, riportano il sito web e tutti i recapiti di riferimento del Servizio Turistico della Valnerina. Sarà possibile acquistare le cartoline nei negozi di souvenir e nei punti informazione di Norcia e Cascia.

Le cartoline saranno dei gadget promozionali di qualità, volti a far conoscere il territorio in tutte le sue diverse sfaccettature, contribuendo, contemporaneamente, ad aiutare i disabili dei comuni della Valnerina. Fondamentale per la realizzazione di questa importante iniziativa è stato il contributo del GAL Valle Umbra e Sibillini. A breve, inoltre, sul sito web www.lavalnerina.it saranno disponibili dei video fotografici sui percorsi e i paesaggi più significativi della Valnerina.

share

Commenti

Stampa