Oasi felina sotto accusa a 2 anni da apertura "Gatti portati via per loro incolumità" - Tuttoggi

Oasi felina sotto accusa a 2 anni da apertura “Gatti portati via per loro incolumità”

Davide Baccarini

Oasi felina sotto accusa a 2 anni da apertura “Gatti portati via per loro incolumità”

Mar, 05/07/2022 - 10:33

Condividi su:


La capogruppo di Castello Cambia Emanuela Arcaleni annuncia una interrogazione e denuncia: "Struttura in pessimo stato. La situazione per i felini era diventata insostenibile. E' così che si gestisce una donazione?"

L’oasi felina di Lerchi (Città di Castello), ad appena due anni di distanza dalla sua inaugurazione, finisce sotto accusa. A denunciare le condizioni non ottimali della struttura è la capogruppo di Castello Cambia Emanuela Arcaleni, che ha presentato addirittura un’interrogazione sul caso.

Malgrado le tante segnalazioni, la situazione sarebbe infatti degenerata fino a essere ritenuta insostenibile e pericolosa per gli animali stessi: lo scorso giugno, infatti, l’ente gestore Enpa ha deciso di prelevare gli animali e portarli nel gattile di Perugia.

La situazione era diventata insostenibile per gli animali – ha fatto sapere Arcaleni – Soprattutto in quest’ultimo anno i cittadini lamentavano il pessimo stato della struttura e della situazione dei felini qui ricoverati, arrivando a definire ‘lager’ la distesa di cemento della piattaforma e i box senza copertura che costringono gli animali a intemperie e sbalzi di temperature, oltre alla mancanza di alberi e di uno spazio erboso, con una recinzione facilmente scalabile dagli animali e immersa nelle sterpaglie”.

Ora – aggiunge la consigliera di opposizione – vogliamo sapere come sono stati gestiti e spesi i 60.000 euro della donazione del signor Pescari (l’uomo che ha voluto creare l’oasi felina, ndr), acquisita dalla Giunta comunale nel 2019, e in che modo il progetto abbia rispettato gli standard adeguati per tali strutture”.

Arcaleni vuole inoltre sapere, da ASL ed enti di controllo,in quale situazione igienico-sanitaria sono stati costretti gli animali e quanti accertamenti siano stati fatti. Ad oggi, malgrado le belle parole spese per l’encomiabile gesto di Luigi Mario Maggiolini Pescari, e immancabile foto di rito dell’allora sindaco, è mancato un concreto impegno del Comune per adeguare la struttura e garantire la salute e il benessere degli animali ricoverati“.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!