Nove su 100 le aziende di imprenditori stranieri a Perugia

Nove su 100 le aziende di imprenditori stranieri a Perugia

Un fenomeno in crescita anche nel II trimestre 2018, ma cominciano ad affiorare segnali di rallentamento.  

share

Al 30 giugno di quest’anno (II trimestre ‘18) lo stock di imprese straniere operanti a livello provinciale ha raggiunto quota 6.603,  in aumento, rispetto al II trimestre del 2017,  di  94 unità, + 1,4%.  Meglio dell’imprenditoria perugina, che nello stesso periodo, ha visto ridursi il numero delle proprie imprese di 289 unità,  – 0,4%.

 Gli stranieri che fanno impresa in provincia di Perugia vengono in gran parte – il 60,3% – da Paesi Extracomunitari,  il rimanente 39,7% dalla Comunità Europea.

Lo stock di imprese  straniere è costituito per il 78,4% da Ditte Individuali e per il 21,6%  da Società di Capitali e Società di Persone,  in cui la componente estera supera il 50% del capitale e il 50% della compagine societaria.

Quali sono i Paesi più rappresentati tra i titolari delle 5.173 Ditte Individuali straniere di Perugia?

 Di gran lunga quelli Extra Comunitari, con  in testa il Marocco (1.013 Ditte) e  a seguire l’Albania (710 Ditte), la Cina (356), la Svizzera (258), la Nigeria (221), la Tunisia (141), Algeria (100).

Minoritaria la rappresentanza di imprenditori originari della Comunità Europea:  Romania (677 Ditte), Francia  (189),  Germania (124), Polonia (77, Lussemburgo (52), Gran Bretagna (47),  Belgio e Paesi Bassi (56), Bulgaria (21) e Austria (13).

Chi sale e chi scende tra i titolari di impresa:  crescono i Cinesi (+4,4%), i Nigeriani (+8,9%), gli Ucraini (6,6%),  i Macedoni (+5,4%),  i Rumeni (+1,13%).

In calo i Marocchini (-4,3%), che tuttavia restano di gran lunga i più numerosi con 1.013 imprese registrate,  i Moldavi (-9,4%), i Serbi (–3,9%)  e gli Iraniani (-6,3%).

Il blocco dei Comunitari è in flessione diffusa: segni meno per tutti i paesi, salvo la Romania,  al terzo posto tra le nazionalità.

I cittadini stranieri che hanno scelto la provincia di Perugia come sede delle proprie attività imprenditoriali provengono da 115 paesi di tutti i continenti.

share

Commenti

Stampa