Nonna Anna Maria, mortadella come premio per aver sconfitto il Coronavirus VIDEO E FOTO

Nonna Anna Maria, mortadella come premio per aver sconfitto il Coronavirus VIDEO E FOTO

Massimo Sbardella

Nonna Anna Maria, mortadella come premio per aver sconfitto il Coronavirus VIDEO E FOTO

Mar, 24/11/2020 - 14:47

Condividi su:


Nonna Anna Maria, mortadella come premio per aver sconfitto il Coronavirus VIDEO E FOTO

E’ un panino con la mortadella il premio che Anna Maria Giovagnoni chiede al figlio, che è venuto a prenderla all’ospedale militare da dove è stata dimessa, per aver sconfitto, a 80 anni, il Coronavirus.

Anna Maria

Intanto, per il pranzo nella sua casa di Solfagnano Parlesca – visto che è stata dimessa verso le 13 – ha ordinato la coda di rospo.

LE DIMISSIONI DALL’OSPEDALE – VIDEO

Siamo stati trattati veramente bene“, ripete lasciando l’ospedale. E’ felice nonna Anna Maria, tenuta sottobraccio dal figlio. Ringrazia i militari e tutto il personale che si è preso cura di lei e che l’ha aiutata a sconfiggere il virus. Prima per tre giorni al Pronto soccorso di Perugia, quando non c’erano altri posti per i pazienti Covid. Poi all’ospedale militare. Dove, spiega il direttore dell’ospedale militare, il colonnello Gaetano Luigi Nappi, le sono stati somministrati antibiotico, cortisone e tachipirina per la febbre. Oltre naturalmente all’ossigeno, vitale per i pazienti Covid alle prese con improvvise saturazioni.

Anna Maria ospedale da campo Covid

“Per questa volta ce l’abbiamo fatta”

Anna Maria è riuscita a guarire in tempi record. Non ha più sintomi ed è già negativa, senza necessità di riabilitazione in Covid Hotel. Nella bifamiliare a Solfagnano Parlesca anche la sorella è stata contagiata dal Coronavirus. Entrato in casa, probabilmente, da un anziano parente che le ha fatto visita dopo tanto tempo e che, purtroppo, dopo essersi ammalato, non ce l’ha fatta.

ospedale da campo Covid

Anna Maria è stata forte. Anche se ancora non potrà abbracciare le nipoti, che l’attendono con ansia per una lunga videochiamata.

La vita continua – dice col sua accento perugino a proposito del grande pericolo scampato – per questa volta ce l’abbiamo fatta, la prossima si vedrà“.

I giorni nell’ospedale da campo

Nell’ospedale militare da campo nonna Anna Maria è rimasta circa una settimana. Meno di altri pazienti, anche più giovani di qualche decina d’anni, che hanno lottato a lungo o stanno ancora combattendo il Covid. Come testimoniano le autoambulanze che continuano a transitare, con a bordo il personale bardato con tute e dispositivi di protezione.

personale Covid

Lei non ha smaniato per uscire prima dall’ospedale: “Un giorno più o un giorno meno, lo sapevano loro, non è che gli facevo noia” afferma candidamente. Anche perché, riconosce, “siamo stati trattati benissimo dal primo giorno, con il sorriso“.

Il cortisone e la fame

Anche se non ha potuto mangiare quanto avrebbe voluto: “La fame di qui, so bell’e morta. Dice ch’era il cortisone“. Stanotte, l’ultima nella tenda dell’ospedale da campo, si è svegliata alle 3 per placare la fame ha grattato una pera.

Ora, a casa, l’attende la coda di rospo e il suo meritato panino gigante con la mortadella.

Anna Maria

(Ha collaborato Mariapiera Simeone)

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!