Museo Stampa, il progetto raddoppia - Tuttoggi.info

Museo Stampa, il progetto raddoppia

Claudio Bianchini

Museo Stampa, il progetto raddoppia

Una sede anche a Palazzo Deli con i macchinari della Mancini e Valeri
Mar, 30/06/2015 - 15:33

Condividi su:


Il museo della stampa non sarà lasciato a sé stesso, ma anzi raddoppierà e c’è in cantiere un articolato progetto di rilancio. Foligno, città che diede al mondo la prima edizione della Divina Commedia, famosa nei cinque continenti per l’almanacco di Barbanera e per molti altri primati legati a quest’arte, ha intenzione di celebrare al meglio questa sua storica vocazione.

Nei mesi scorsi la giunta comunale ha così deciso di mettere a disposizione i locali al piano terra del nobile Palazzo Deli in via Gramsci, per ospitare nel migliore dei modi alcuni dei pregiati pezzi dell’ex tipografia Mancini e Valeri che sino a qualche anno fa operava proprio in fondo alla stessa via, con lavorazioni apprezzate a livello internazionale.

Al momento della definitiva chiusura della bottega, furono gli stessi proprietari a lanciare un appello alle istituzioni, dichiarandosi pubblicamente pronti a mettere a disposizione i preziosi cimeli. Dalle parole si è quindi passati ai fatti, ora però si dovrà procedere al trasferimento effettivo dei materiali che dovrebbe avvenire comunque entro quest’anno.

L’idea è quella di rendere il museo un luogo interattivo, con la possibilità di utilizzare le macchine tipografiche per dar vita a veri e propri laboratori rivolti in particolar modo a ragazzi e bambini delle scuole.

Il ‘museo della stampa bis’ non resterà un’appendice distaccata, sarà inserito in uno speciale circuito legato al nuovo percorso Palazzo Trinci – Palazzo delle Canoniche ed ovviamente al Palazzetto Orfini in piazza della Repubblica dov’è l’esposizione principale.

Da ricordare anche l’altro fiore all’occhiello di Foligno: il torchio Amos dell’Orto modello stanhop realizzato nel 1840, che avrebbe stampato le prime diecimila copie de ‘I Promessi Sposi’ altro capolavoro letterario conosciuto a livello planetario.

Attualmente, si trova custodito dagli attuali titolari della tipografia, Enrico e Nicola Pellegrini. A rintracciarlo, nell’ottobre scorso, fu lo storico folignate Luca Radi: la notizia salì presto agli onori della cronaca nazionale.

ACCEDI ALLA COMMUNITY
Leggi le Notizie senza pubblicità
ABBONATI
Scopri le Opportunità riservate alla Community
necrologi_foligno

L'associazione culturale TuttOggi è stata premiata con un importo di 25.000 euro dal Fondo a Supporto del Giornalismo Europeo - COVID-19, durante la crisi pandemica, a sostegno della realizzazione del progetto TO_3COMM

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!


    trueCliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

    "Innovare
    è inventare il domani
    con quello che abbiamo oggi"

    Grazie per il tuo interesse.
    A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!