MOBILITA', NOVITA' A PERUGIA CON AUTOBUS MENO INQUINANTI, FERMATE PIU' CONFORTEVOLI E CORSIE PREFERENZIALI INTELLIGENTI - Tuttoggi

MOBILITA', NOVITA' A PERUGIA CON AUTOBUS MENO INQUINANTI, FERMATE PIU' CONFORTEVOLI E CORSIE PREFERENZIALI INTELLIGENTI

Redazione

MOBILITA', NOVITA' A PERUGIA CON AUTOBUS MENO INQUINANTI, FERMATE PIU' CONFORTEVOLI E CORSIE PREFERENZIALI INTELLIGENTI

Ven, 01/07/2011 - 14:25

Condividi su:


Autobus dual-fuel, paline intelligenti, fermate bus più confortevoli e sicure e il nuovo sistema “onda verde” ai semafori per gli autobus pubblici sono alcune delle novità illustrate questa mattina dall’assessore Roberto Ciccone (Mobilità) in un tour che da Via Pellini ha percorso parte della città. Con lui, il presidente di Umbria Mobilità Giovanni Moriconi, dirigenti e tecnici del Comune e di Umbria Mobilità. Ciccone e Moriconi, a bordo di uno dei 20 autobus su cui è stato installato il sistema dual-fuel, hanno mostrato le innovazioni introdotte con il progetto europeo “Renaissance”, in tema di mobilità “facile, sicura e pulita”.

“Si tratta – ha commentato l’assessore – di misure che ridisegnano il sistema della mobilità alternativa a Perugia in modo più moderno ed efficace”. Il tour è iniziato da Via Pellini dove è stato realizzato uno degli interscambi fra i vari sistemi di mobilità alternativa presenti in città (in questo caso, parcheggio Cupa, Minimetrò, scalette e fermata bus) e proseguito verso Piazza Partigiani dove è presente una delle paline intelligenti posta di fronte al Terminal Bus. Anche le “paline intelligenti” fanno parte di un nuovo modo di concepire la mobilità alternativa. Installate in punti strategici della città, dieci sono già operative dal novembre scorso, altre lo saranno presto. Le paline informano gli utenti in tempo reale sui mezzi in transito e sui tempi di attesa, con un countdown di 8 minuti. Quindi in Via Pellas è stato mostrato l’intervento realizzato per sistemare la fermata bus, come pure alla stazione Fontivegge. In questo caso, sono state poste nuove pensiline, allargato il marciapiede e ridotte le postazioni delle fermate bus da 2 a 1, garantendo più sicurezza ai cittadini. Tappa alla stazione minimetrò di Fontivegge che rappresenta – hanno detto l’assessore e il presidente – il più importante nodo di interscambio della città, fra bus, minimetrò e treno. Altro esempio di messa in sicurezza delle fermate è rappresentato dalla pensilina di Madonna Alta, nei pressi delle scuole. Un intervento di rilievo che ha visto la realizzazione di ampie aree di attesa, attrezzate, protette e illuminate, a garanzia di una maggiore sicurezza e comfort. Grazie ai cofinanziamenti europei, Umbria Mobilità e Comune hanno potuto rendere più sicure complessivamente 24 fermate urbane. Lavori che, in una visione più ampia del benessere dei cittadini, hanno compreso anche interventi sulla segnaletica verticale e orizzontale; installazione di protezioni fisiche; corsie di ingresso e uscita dal punto di fermata; ampliamento dello spazio così che l'autobus in sosta non intralci lo scorrimento del traffico delle auto private; progettazione di nodi di scambio nei quali sia facilitato al viaggiatore il passaggio da un mezzo all’altro.

“Quella di oggi è una occasione – ha commentato l’assessore Ciccone – per testimoniare l’altro modo di muoversi in città, al di fuori dell’auto privata, utilizzando contemporaneamente diversi sistemi di trasporto pubblico, grazie al biglietto unico UP. Bus, scale mobili, minimetrò (a breve il car scharing e altri sistemi), sono le diverse possibilità con cui il cittadino e il turista possono spostarsi in città. Perugia è sempre stata all’avanguardia in fatto di mobilità, occorre, tuttavia, diffondere di più e meglio la cultura del trasporto pubblico”. Perugia è tra le città italiane che possono vantare una flotta di bus, quasi per intero, a carburante pulito che significa non solo meno emissioni, ma anche minore rumorosità. Inoltre, il Comune di Perugia ha convertito a metano il suo parco auto e ha investito circa 70 mila euro per mettere in palio, tra i cittadini, 35 kit a metano per promuovere la trasformazione delle auto private. L'8 luglio prossimo, alla Sala della Vaccara, ci sarà la cerimonia di consegna del kit al primo classificato. In tutto, le domande presentate sono state 56. La promozione all'uso del mezzo pubblico, anziché dell'auto privata, passa anche attraverso i miglioramenti del servizio introdotti dall'innovazione tecnologica: l'onda verde, garantita dai nuovi semafori intelligenti darà, a breve, una ragione in più per servirsi dell'autobus. Grazie a un dispositivo innovativo posto su tutti gli autobs, nel caso in cui il mezzo sia in ritardo, al semaforo scatta immediatamente il verde, favorendo il passaggio del mezzo pubblico, consentendo percorsi più veloci e tempi di viaggio certi. “In sintesi non è più, o non solo, il grande intervento infrastrutturale che imprime il cambio di passo alla mobilità urbana, piuttosto – hanno detto – l'insieme di tanti piccoli passaggi, a volte tecnologici, che rendono possibile strutturare il tessuto urbano attraverso una rete di trasporto più efficiente, innovativa e sostenibile, sia sotto il profilo economico, sia ambientale”. Questa è la filosofia del progetto Renaissance – ha aggiunto Stefania Papa, responsabile p.o Civitas – che, non a caso, finanzia progetti di mobilità sostenibile in centri urbani a elevato valore storico artistico. E questa è la filosofia del Comune di Perugia che, insieme a Umbria Mobilità, investe nella pianificazione e realizzazione di sistemi innovativi di trasporto sostenibile e mira a ottenere, nei prossimi anni, un diffuso cambiamento culturale nei cittadini per diminuire l'uso dell'auto privata. Non a caso le parole chiave del progetto sono easy, safe e clean (Esc).

“In un momento di grave crisi economica del paese e di riduzione delle risorse finanziarie, anche locali, la strada da percorrere – ha concluso Ciccone – passa attraverso l'ottimizzazione dell'esistente e nella ricerca delle innovazioni che ci consentano di essere sempre all'avanguardia nell'affrontare le problematiche del traffico, della salute e della sicurezza delle persone”. Sul fronte dell’evasione del biglietto, il presidente Moriconi ha precisato che “il Ministero dei Trasporti ha dato l’autorizzazione per sperimentare su 4 autobus il sistema dei tornelli e che l’azienda opererà con maggiore rigore nei controlli, con verifiche che scatteranno dai prossimi giorni su tutte le linee regionali. Per quanto riguarda i treni, da oggi sono tornati in esercizio quelli che erano stati portati in officina e, dunque, con grande sforzo di Umbria Mobilità sono stati rimessi in linea”.

Elenco paline intelligenti già installate:

Ospedale Stazione FS (fronte ingresso marciapiedi esterno) Stazione Minimetrò FS (direzione esterno) Stazione Minimetrò FS (direzione centro) P.za Partigiani (lato Poste) P.za Partigiani (lato Autostazione) Via San Galigano (P.ta Conca dir. Stazione FS) Via XIV Settembre, Galleria (dir. Via Pellini) Via XIV Settembre, Geometri & Galilei (dir. Monteluce) Via Cortonese MM (direzione Stazione) Via M. Angeloni San Sisto (viale dir. Stazione FS)
Flotta bus Perugia già circolanti Metano n. 76 Gasolio n. 11 dual-fuel (metano-gas) n. 20
Elenco fermate interessate da interventi (lavori conclusi): N. VIA/LOCALITA' 1 Strada Ponte Rio Ponte Pattoli – intersezione con via dello Scesone 2 via delle Ghiande – Strada Ponte Rio Ponte Pattoli 3 Strada per Pretola- Pretola- intersezione con via Faenza 4 Via Tagliamento – Strada per Pretola- Pretola 5 Strada Tiberina – Cimitero Ponte Valleceppi 6 Via Tagliamento- Strada Per Pretola- Pretola 7 Strada Montevile-Monteluce-Cimitero 8 Strada Montevile 9 Strada Ospedalone San Francesco – Collestrada 10 Strada Ospedalone San Francesco – Collestrada 11 S.R.317 Marscianese – San Martino in Colle 12 Via della Pallotta 13 Strada Tuderte-Colonnetta 14 Via Pellas 15 Via della Madonna Alta 16 S.P.318 IV° tratto Strada Castel del Piano Pila Km 0+200 17 S.P.318 IV° tratto Strada Castel del Piano Pila Km 2+400 Lato Dx 18 S.P.318 IV° tratto Strada Castel del Piano Pila Km 3+400 19 Via Strozzacapponi-Castel del Piano 20 Via Pievaiola – Rotonda Perugina 21 Piazza Vittorio Veneto – Stazione F.S. 22 Via Campo Di Marte 23 Via Palermo 24 Via Pievaiola – Carcere Capanne.

Foto: Stefano Dottori

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!