MIUR e UniStranieri firmano accordo di collaborazione sulla innovazione digitale - Tuttoggi

MIUR e UniStranieri firmano accordo di collaborazione sulla innovazione digitale

Redazione

MIUR e UniStranieri firmano accordo di collaborazione sulla innovazione digitale

Le città del futuro tra innovazione tecnologica e sostenibilità: il ruolo “sociale” del digitale 
Mar, 05/06/2018 - 16:50

Condividi su:


Nell’ambito dell’accordo di collaborazione scientifica tra MIUR – Direzione generale innovazione digitale e l’Università per Stranieri di Perugia, all’interno dell’evento #Futuracqua, evento promosso dal MIUR, in programma l’8 giugno, presso l’area ex-industriale Snia Viscosa di Rieti, con inizio alle 10, si terrà un dibattito tra Luca Tomassini, uno dei padri della telefonia mobile italiana, e Massimiliano Ventimiglia, fondatore di Onde Alte.

L’evento è moderato dalla Donatella Padua, docente di digital sociology all’Università per Stranieri di Perugia. Ma cosa è #Futuracqua? Dopo la tappa nazionale di Bologna e quelle di Catania, Caltanissetta, Pescara e Brindisi, dal 7 al 9 giugno 2018 sarà la volta di Rieti che animerà la città del centro Italia con tre giorni di formazione, innovazioni, esperienze, laboratori e spettacoli sulla scuola digitale e le città d’acqua del futuro. L’evento, volto a coinvolgere tutta la comunità scolastica e la cittadinanza, rappresenta un grande contenitore di eventi, per raccontare, approfondire e vivere i temi del Piano nazionale per la scuola Digitale.

“Ci troviamo in un’era di grandi sfide – ha asserito la prof. Donatella Padua – per lo sviluppo delle nostre ‘citta del futuro’. E di grandi opportunità. Tra tutte, quella di ‘disegnare’ nuovi profili di città e territori che possano migliorare la vita dei cittadini, delle comunità, che possano dare nuovo valore al territorio. Quando parliamo di ‘smart cities’ il pensiero va a metropoli iconiche, cattedrali dell’innovazione tecnologica come Copenhagen, Singapore, Stoccolma, Milano.  I vantaggi dello smart risiedono in servizi e processi più efficienti e efficaci, vita dei cittadini facilitata e velocizzata. Tuttavia, ci chiediamo: Quali ‘diseconomie’ umane genera? Quanto la smart city è sostenibile da una prospettiva umana, di community? La città nativa di Vetrya, Orvieto; Treviso, città nativa di OndeAlte; e, Rieti, città sede di eventi #FuturaItalia, hanno in comune il modello: città di media-piccola dimensione della provincia italiana. Esse sono rappresentative del profilo urbanistico-territoriale dell’Italia”.

(Modificato 7 giugno h 09.58)

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!