Mense scolastiche, Waguè e dirigenti assenti | Slitta la discussione - Tuttoggi

Mense scolastiche, Waguè e dirigenti assenti | Slitta la discussione

Redazione

Mense scolastiche, Waguè e dirigenti assenti | Slitta la discussione

L'odg del Movimneto 5 Stelle | Continua la protesta dei genitori
Mar, 23/06/2015 - 23:25

Condividi su:


Continua la protesta dei genitori a proposito della lunga vicenda delle mense scolastiche per gli istituti di Perugia. Oggi, in Commissione Cultura a Palazzo dei Priori, è stato discusso l’odg presentato dai consiglieri del Movimento 5 Stelle. La votazione è stata però rinviata a causa dell’assenza in commissione sia dell’Assessore competente che dei dirigenti. I genitori però continuano a non darsi per vinti e chiedono di essere ascoltati dall’amministrazione comunale: “la maggioranza – dicono – si riunisce senza invitare genitori e opposizioni. Per questo ci si domanda: a cosa serve discutere in Commissione se i poi i dirigenti si negano al confronto e la maggioranza ne discute senza contraddittorio? Noi genitori vogliamo essere ascoltati in ogni sede”.

Mense scolastiche Perugia, a rischio stipendio dipendenti

Mense scolastiche, Calabrese “convenzioni illegali” | Pd, “offende i genitori”

Mense scolastiche, Waguè non si presenta / Bori, “smentite falsità” da genitori

In particolare, secondo i consiglieri Rosetti, Pietrelli e Giaffreda, “la mensa scolastica è luogo strategico per educare i bambini ad acquisire e mantenere uno stile di vita sano dal punto di vista alimentare, anche in considerazione del fatto nella nostra regione un bambino su tre risulta sovrappeso o obeso, con conseguenze importanti sulla salute e sul sistema sanitario”. Per questo, si legge nellodg dei due consiglieri, “si chiede all’amministrazione comunale che sia garantita nelle mense scolastiche di competenza comunale ed in ogni struttura pubblica comunale che abbia come utenti bambini e giovani un’adeguata quota di prodotti agricoli e agroalimentari provenienti da sistemi di filiera corta e biologica. Inoltre, si chiede di poter prevedere nel bando di gara d’appalto per l’affidamento e la gestione dei servizi di refezione scolastica e di fornitura di alimenti e prodotti agroalimentari” criteri legati all’alta qualità dei prodotti, una dieta mediterranea e la garanzia della presenza di prodotti per bambini celiachi o che necessitino di diete speciali, anche per motivi etici e religiosi.
Subito dopo la presentazione dell’odg da parte del consigliere Giaffreda, ha preso la parola l’avvocato Bircolotti, in rappresentanza dei comitati dei genitori per spiegare che avrebbero avuto molte domande al riguardo da sottoporre ai dirigenti comunali, al fine di conoscere, ad esempio, i costi, le norme di autocontrollo della ditta appaltatrice e di controllo da parte dell’ente, le modalità di gestione delle non conformità e delle eccedenze o avanzi di alimenti.
Il Presidente della Commissione Felicioni ha quindi letto un documento a firma del dirigente Zampolini in cui si specificava che da parte della ASL saranno attivati, nel periodo ottobre novembre degli incontri per illustrare i menù delle scuole che prevedono anche pasti idonei per chi ha malattie o intolleranze e per esigenze religiose.
Il consigliere PD Tommaso Bori è, quindi, intervenuto per precisare che, a suo avviso, nell’odg in discussione si dà per scontata l’esternalizzazione del servizio di refezione scolastica, quando invece, la stessa commissione ha approvato non più tardi di una settimana fa un odg in cui si chiede esattamente il contrario. Bori ha quindi criticato l’assenza dell’Assessore Wagué e dei dirigenti del servizio. Ha quindi preso la parola il capogruppo PD Diego Mencaroni per ribadire che se ci sono delle scuole di serie A e delle scuole di serie B non dobbiamo portarle certo tutte ad essere scuole di serie B ma semmai il contrario. In ogni caso, ha sottolineato Mencaroni, la materia delle mense scolastiche è oggetto di dibattito cittadino ed è vergognoso che assessore e dirigenti non si presentino nelle commissioni in cui si discute, con assenze strumentali, quando invece l’argomento dovrebbe essere al primo punto della loro agenda politica.
Di fronte all’assenza dell’assessore e dei dirigenti, dunque, gli stessi consiglieri proponenti hanno scelto di rinviare la votazione dell’odg.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!