Marco Montemagno a Roma per la reunion degli “Slashers”

Marco Montemagno a Roma per la reunion degli “Slashers”

Intervista a Leonardo Perini, ceo di Media Marketer e “Slasher” umbro della community di professionisti più importante d’Italia.

share

Si è tenuta lo scorso 3 giugno a Roma, la reunion della comunità degli “Slashers” fondata dal noto imprenditore digitale Marco Montemagno.

Il progetto, nato nell’ottobre del 2017, nasce per stimolare i professionisti a sfruttare le innumerevoli potenzialità del web.

Il termine “Slashers” si riferisce a tutte le persone che hanno più di una competenza, a volte anche più di un lavoro e che, come spesso dice Montemagno “sono i pazzi furiosi DOC, quelli con la / che quando gli chiedi che mestiere fanno ti rispondono: giornalista / startupper / scrittore / personal trainer…”

Una piattaforma dove confrontarsi

La community viene organizzata tramite una piattaforma online che permette l’interazione tra gli utenti e che grazie allo scambio di tutte queste competenze diverse tra loro, offre agli iscritti continui spunti e idee per le proprie attività.

Presente alla due giorni romana il ceo di Media Marketer Leonardo Perini; lo abbiamo intervistato per capire meglio cosa significhi far parte di un progetto così importante, unico nel suo genere in Italia.

Il cofondatore dell’agenzia di comunicazione umbra ci ha raccontato le sue impressioni e le importanti riflessioni che si è portato a casa da questo evento, mostrando subito un grande entusiasmo come sua consuetudine.

Perchè hai scelto di diventare uno “slashers”?

“Lo spirito che anima la Community di Montemagno rispecchia in pieno la mia vita lavorativa e professionale.

Quando tua madre ti chiede che lavoro fai e per tentare di spiegarglielo impieghi più di un’ora, senza successo tra l’altro, significa che fai tante cose.

Mi occupo di marketing ed editoria online. Seguo progetti di comunicazione, informazione, new media, gestione e coordinamento di reti vendita, eventi e gestione social.

Nel 2007 ho cofondato Tuttoggi.info, quotidiano online dell’Umbria, che in pochi anni si è affermato ai vertici dell’informazione regionale e che attualmente supera un milione di pagine viste mensilmente e circa 40.000 utenti giornalieri. Per il giornale sono il direttore editoriale e il responsabile commerciale.

Ho sviluppato molteplici progetti di marketing per aziende e professionisti e oggi più che mai sono convinto che l’integrazione tra i vari strumenti e l’utilizzo del Funnel Marketing, faccia veramente la differenza; un percorso che offre alle aziende la possibilità di raggiungere la massima visibilità sul web, acquisire nuovi clienti, migliorare la reputazione online e ottenere risultati concreti e misurabili.

A dicembre del 2018 mi sono certificato come Funnel Marketing Manager e dal 2019 sono consulente di Media Marketer srl.

Per passione e “lavoro” sono insegnante di judo CN 4° Dan e di cultura fisica. Sono presidente e istruttore presso l’ASD X2 Spoleto Fitness Club. Dal 2013 vice presidente settore Judo della FIJLKAM UMBRIA (Federazione Italiana Judo Lotta Karate e Arti Marziali)

Come vedi, ho tutti i requisiti per rientrare a pieno titolo tra gli Slashers”.

Come si accede al programma?

“L’accesso alla community, oltre che essere a pagamento, è caratterizzata da una selezione effettuata dal team di Montemagno, a margine di alcune domande specifiche riguardanti le proprie attività e competenze.

Questo perché è meglio ritrovarsi accanto solo persone motivate, così da ricevere il meglio da ogni confronto. Infatti all’interno di “Slashers” le condivisioni e le interazioni con gli altri membri sono il pane quotidiano, per assimilare tutti gli input necessari da applicare poi in azienda”.

Cosa ti ha colpito di Marco Montemagno?

“La capacità e la facilità nel comunicare le sue competenze digital, la rapidità nel lanciare nuovi progetti e la flessibilità della sua struttura.

Infine una panoramica sul mondo delle web agency e sulla tua idea di comunicazione

Dal mio punto di vista, una web agency oggi è l’insieme di un gruppo di professionisti che propone servizi per la promozione online delle aziende.

La “nuova” web agency deve saper strutturare una strategia di marketing a tutto tondo; si parte dal posizionamento aziendale fino alla gestione dei social, passando attraverso la valutazione dei dati relativi a tutto ciò che le campagne pubblicitarie hanno generato.

Una web agency moderna al suo interno ospita figure professionali abituate in primis a lavorare in team.

I progetti vengono discussi in fasi di brainstorming alle quali partecipano tutti, così da cogliere ogni sfumatura possibile e affinare in questo modo sia la strategia da usare che il messaggio da lanciare.

Io per esempio, ho scelto di organizzare la mia agenzia di comunicazione creando una struttura che ospita al suo interno figure altamente specializzate:

Funnel marketing manager
Si occupa della costruzione, sia teorica che tecnica, della strategia di lancio dei prodotti del cliente, del loro posizionamento e dell’analisi dei risultati generati

Social media manager
E’ sua la responsabilità dei Social e di come veicolare il messaggio verso gli utenti del web.

Copywriter
E’ la figura che “stende i contenuti” che andranno a popolare le pagine online su cui atterreranno gli utenti interessati a un determinato prodotto/servizio. E’ il filo che unisce l’idea dell’imprenditore con la strategia di marketing che si sta utilizzando.

Programmatori
Se non ci fossero sarebbe un problema per tutti. Hanno in mano e soprattutto in testa,le soluzioni per qualsiasi problema tecnico si possa presentare durante la costruzione di un funnel ad esempio, piuttosto che nel mentre di una campagna pubblicitaria su facebook. Immaginiamo cosa potrebbe succedere se all’improvviso il nostro autoresponditore automatico per l’invio delle mail smettesse di funzionare: a chi vi rivolgereste se non a loro?

Grafici e web designer
A loro spetta il compito di realizzare le migliori grafiche che emozionino sia i possibili clienti che gli imprenditori stessi.

Di solito si usa trascurare la comunicazione grafica, che invece, se fatta bene, riesce a implementare le conversioni di una pagina web di circa il 20%.

Come ho potuto constatare a Roma con Marco Montemagno, l’unica cosa che alla fine ripaga gli sforzi economici di un imprenditore è la capacità di relazionarsi sin da subito con il proprio cliente o meglio con la propria nicchia come un vero e proprio leader di mercato, qualsiasi sia il settore in cui si operi”.

share

Commenti

Stampa