Maio Tech e la richiesta di Via "Nessuna intenzione di produrre Css a Padule" - Tuttoggi

Maio Tech e la richiesta di Via “Nessuna intenzione di produrre Css a Padule”

Davide Baccarini

Maio Tech e la richiesta di Via “Nessuna intenzione di produrre Css a Padule”

Ven, 19/03/2021 - 10:15

Condividi su:


L'azienda precisa di aver presentato alla regione un semplice progetto di ammodernamento del proprio impianto | Intanto domani sit-in di protesta dei comitati No Css sotto la sede di Padule

A meno di 24 ore dal sit-in di protesta dei comitati No Css, la Maio Tech Srl ha voluto far chiarezza soprattutto dopo la recente richiesta di verifica di assoggettabilità alla Via (Valutazione Impatto Ambientale) inoltrata alla Regione, che tanto ha allarmato gli stessi ambientalisti.

Maio Tech smentisce interesse a produrre Css

Dato che la protesta di domani (20 marzo) si terrà proprio davanti alla sede dell’azienda (ex Sirio Ecologica) a Padule (Gubbio), Maio Tech intende fermamente smentire di essere interessata alla produzione di Css all’interno del proprio sito industriale.

Perché la richiesta di Via

L’azienda – fanno sapere – ha presentato alla Regione Umbria un progetto di ammodernamento del proprio impianto, accompagnato da uno studio preliminare ambientale per verificare l’assoggettabilità alla Via. Nel sito industriale di Padule, Maio Tech gestisce un deposito preliminare per il trattamento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi, in forza dell’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) rilasciata dalla Provincia di Perugia“.

Il progetto di ammodernamento

In particolare, il progetto di ammodernamento di Maio Tech includerebbe modifiche ordinarie per l’ampliamento di alcune attività in essere, senza modifiche delle strutture esistenti, ad eccezione della realizzazione di una nuova tettoia, dell’installazione di una pressa per la riduzione volumetrica di alcune tipologie di rifiuto, dell’installazione di un trituratore e di un nuovo impianto di aspirazione e trattamento dell’aria.

“Nessun impatto sul paesaggio”

Tali modifiche non altereranno minimamente la morfologia delle strutture esistenti e non produrranno alcun impatto sul paesaggio (evitando la realizzazione di infrastrutture ex novo)” sottolineano dall’azienda di Padule.

L’iniziativa di ammodernamento, dunque, si propone di sfruttare al meglio le potenzialità dell’impianto esistente, “rispondendo con più efficacia alle esigenze, sempre più complesse, del mercato della gestione dei rifiuti speciali, incluse quelle del territorio di riferimento a cui, da anni, l’azienda fornisce un significativo contributo nel trattamento e nello smaltimento di materiali di risulta da attività edili di demolizione”.

La protesta sotto la sede

Dopo il grande sit-in di Perugia sotto la Regione, i comitati No Css domani (20 marzo), dalle ore 15, torneranno comunque a protestare con un altro numeroso proprio a Padule, per dire “No” al trattamento di rifiuti pericolosi, alla produzione di Css da rifiuti e all’uso di CSS nei cementifici.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!