Licenziamenti Savit, sciopero e presidio dei lavoratori - Tuttoggi

Licenziamenti Savit, sciopero e presidio dei lavoratori

Luca Biribanti

Licenziamenti Savit, sciopero e presidio dei lavoratori

Mar, 01/06/2021 - 11:28

Condividi su:


Secondo quanto riferito da Fiom Cgil e Ugl l'iniziativa è stata promossa per rompere il “silenzio assordante” intorno ai licenziamenti

Nella mattina di oggi 1 giugno i lavoratori della Savit hanno scioperato per 8 ore e organizzato un presidio davanti alla sede della società in via Capponi. I lavoratori hanno bloccato simbolicamente e per pochi minuti il traffico della trafficata via per accendere i riflettori sulla vertenza.

“Silenzio assordante”

Secondo quanto riferito da Fiom Cgil e Ugl l’iniziativa è stata promossa per rompere il “silenzio assordante” intorno ai licenziamenti annunciati nell’azienda metalmeccanica, controllata da Busitalia e a totale capitale pubblico, che si occupa di manutenzioni, rifornimenti e pulizie dei mezzi del tpl.

I motivi dello sciopero

Secondo quanto riferito dai sindacati la società Savit ha avvisato che ci saranno “6 licenziamenti e un presunto cambio di contratto e datore di lavoro, senza confronto con il sindacato e senza conoscere la gara di appalto e il capitolato che vengono sistematicamente negati da parte dell’azienda”. 

Presidio anche pomeriggio

Il presidio dei lavoratori è continuato anche il pomeriggio, come spiegato in una nota della Fiom Cgil “L’adesione allo sciopero anche oggi è stata massiccia, intorno al 90% – riferisce Alessandro Rampiconi, segretario generale della Fiom Cgil di Terni – e abbiamo anche deciso con i lavoratori di bloccare il traffico sulla Marattana, perché intorno a questa vicenda deve crescere l’attenzione delle istituzioni e dell’opinione pubblica. Parliamo infatti non di una normale azienda privata, ma di una controllata di Busitalia, che non può comportarsi così, in totale spregio alle regole di buone relazioni sindacali. E poi c’è grande rabbia, non solo tra i lavoratori che rischiano il licenziamento per essere riassunti, forse, con un contratto peggiore, ma tra tutti i loro colleghi metalmeccanici”. 

La lotta prosegue

Il sindacato assicura che la lotta continuerà fino a che non sarà restituita “piena dignità a questi 6 lavoratori sotto licenziamento” e soprattutto finché non saranno “ripristinate corrette relazioni”. “Perché in gioco c’è il futuro del trasporto pubblico locale e la qualità del lavoro al suo interno”, conclude Rampiconi. 

Il PD Terni

“Esprimiamo vicinanza e sostegno ai lavoratori della Savit che oggi si riuniscono in presidio. Ricordiamo che la Savit è una importante azienda metalmeccanica, controllata da Busitalia e a totale capitale pubblico, i cui dipendenti si occupano di manutenzioni, rifornimenti e pulizie dei mezzi del trasporto pubblico locale – è quanto sottolineato dal capogruppo del Pd Terni, Francesco Filipponi – Riteniamo non accettabile l’annuncio di 6 licenziamenti e il cambio di contratto e datore di lavoro, senza confronto con lavoratori e sindacati. Occorre chiarezza inoltre sulla prossima gara di appalto e sul relativi capitolato per il trasporto pubblico locale, la quale auspichiamo possa avere un unico bacino di utenza regionale, come richiesto dalle forze sindacali. Cogliamo l’occasione per ringraziare i lavoratori ed i sindacati che si sono mobilitati scrivendo alla giunta e al consiglio regionale per denunciare l’ingiustizia che stanno subendo i lavoratori della Savit. Sosterremo nella sede istituzionale del comune di Terni e attraverso i nostri rappresentanti presso l’assemblea legislativa umbra, la battaglia dei lavoratori della Savit, e seguiremo il percorso per la gara regionale per il trasporto pubblico locale”.

Articolo aggiornato alle ore 18.15

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!