Italia Germania, a San Brizio maxischermi per seguire la partita di Euro2012 - Tuttoggi

Italia Germania, a San Brizio maxischermi per seguire la partita di Euro2012

Redazione

Italia Germania, a San Brizio maxischermi per seguire la partita di Euro2012

Mer, 27/06/2012 - 08:33

Condividi su:


A San Brizio, in occasione della “Festa della Pasta, dello Spiedino e del Trebbiano Spoletino”, che è in corso sino a domenica 1° luglio, domani sera, giovedì 28 giugno, in occasione del duello ai Campionati Europei, tra Italia e Germania, nello spazio attrezzato a disposizione, saranno allestiti due maxi schermi per seguire l'evento. I responsabili organizzativi della tradizionale ricorrenza estiva, hanno comunicato, che a tutti coloro che saranno a cena presso le strutture dedicate o che consumeranno piadine, sarà offerto il tipico “Trebbiano Spoletino”, per brindare alla sperata vittoria degli azzurri e degustare contemporaneamente le pietanze a disposizione. L'auspicio di tutti gli organizzatori della Pro Loco, propende chiaramente per la vittoria, contro una squadra, che nelle qualificazioni ha sbaragliato tutti gli avversari, ma a cui l'Italia, saprà far fronte con professionalità, estro e cuore. Ricordiamo che ogni sera a San Brizio, si balla e ci si diverte, sull'onda delle tradizionali Feste Campestri, che accompagnavano la Mietitura e la Vendemmia. Cibi genuini e tradizionali, antichi sapori ed atmosfere aggregative, per vivere momenti estivi irripetibili. Tra gli eventi culturali, che più hanno caratterizzato la “Festa della Pasta e dello Spiedino”, ricordiamo la Conferenza tenuta dal Dott. Francesco Fioroni, su “Catarinaccia da San Brizio”, tra le più famose e documentate streghe del territorio spoletino intorno al '400. Alla Conferenza ha partecipato un pubblico numeroso ed attento, altamente interessato a conoscere avvenimenti, che hanno in qualche modo segnato la storia del piccolo e nobile borgo. Abbiamo avuto modo in questi giorni, di raccontare nei dettagli, la storia di Caterina, forse soltanto una veggente, e probabilmente condannata da un clima di fanatismo religioso, in un periodo in cui l'Inquisizione Religiosa la faceva da padrone. Contro la donna, alternativamente nel corso della storia, è in qualche modo esistito un periodo di emarginazione e di condanna. Oggi in molte realtà, soprattutto per cultura religiosa e meno per tradizione, si continuano ad assumere atteggiamenti, che discriminano la donna, sia nei confronti del suo ruolo personale che all'interno delle sue relazioni sociali.Pensare che la “donna”, è stata per la maggior parte dei poeti, fonte di ispirazione per molteplici opere letterarie e di poesia e mete a cui aspirare. Una società che non rispetta il ruolo della donna e soprattutto il suo essere “persona”, vive tuttora in uno spaventoso e povero clima culturale.


Condividi su:


Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!