Inaugurata 18^ Mostra del Fumetto, Mollica "Simone Bianchi gigante dell'arte" - Tuttoggi

Inaugurata 18^ Mostra del Fumetto, Mollica “Simone Bianchi gigante dell’arte”

Davide Baccarini

Inaugurata 18^ Mostra del Fumetto, Mollica “Simone Bianchi gigante dell’arte”

Sab, 12/09/2020 - 19:38

Condividi su:


Inaugurata 18^ Mostra del Fumetto, Mollica “Simone Bianchi gigante dell’arte”

E’ stata inaugurata oggi (sabato 12 settembre) la 18^ Mostra del Fumetto di Città di Castello, quest’anno dedicata a Simone Bianchi, uomo di punta della Marvel in Italia.

“Simone Bianchi – Amazing Talent”, organizzata su idea di Vincenzo Mollica, dagli “Amici del Fumetto” di Città di Castello e sotto la supervisione del curatore Riccardo Corbò, racconta una carriera straordinaria grazie ad una full immersion nell’arte di Bianchi, che si snoda fra le splendide sale rinascimentali di Palazzo Vitelli a Sant’Egidio con opere dedicate a Spiderman, Avengers, Thor, Marvel Heroes, i Villains, Batman e Joker, fino a Guerre Stellari, alcune commission Bonelli, Conan e Sharkey the Bounty. Una ricchezza di materiali finora mai stata oggetto di un’unica esposizione dell’artista e che rende Tiferno Comics 2020 una mostra di livello internazionale, con il catalogo più ricco e completo che celebra l’eclettico illustratore nel modo più consono.

La presentazione, svoltasi nel loggiato di Parco Vitelli ha visto intervenire un parterre di tutto rispetto. Introdotti e presentati dall’inossidabile presidente degli “Amici del Fumetto” Gianfranco Bellini, hanno portato il loro saluto il sindaco tifernate Luciano Bacchetta, l’amatissimo direttore artistico di Tiferno Comics Vincenzo Mollica, lo stesso Simone Bianchi, il curatore Riccardo Corbò e l’artista Giorgio Cavazzano.

Oltre ai tanti nomi del mondo della politica, collezionisti, cittadini e turisti provenienti da tutta Italia, erano presenti altri due graditissimi ospiti: Emanuele Vietina, General Director di “Lucca Crea” (ente organizzatore di “Lucca Comics & Games”) e Francesco Raspini, assessore del Comune di Lucca. Presenze estremamente importanti per l’evento tifernate, perché hanno suggellato l’amicizia fra due vere capitali del fumetto italiano: Lucca e Città di Castello.

Un caloroso ed emozionante applauso è stato dedicato in primis a Vincenzo Mollica, direttore artistico e profondo amico della Mostra del Fumetto tifernate che ha elogiato Simone Bianchi con queste parole: “Simone Bianchi ha la pittura nel sangue. Vive e si nutre di pittura. La sua mente è fonte di classicità, ogni suo gesto diventa pittorico anche quando è immobile. Simone Bianchi è un gigante dell’arte e il suo meraviglioso talento non ha mai posto confini tra pittura e fumetto, come è giusto che sia. La bellezza non fa mai i conti con le barriere ideologiche imbecilli, ma solo con il canto permanente delle emozioni. L’aspetto più impressionante dei suoi quadri è che non c’è nessuna concessione verso le sirene della contemporaneità, ma solo e sempre una rigorosa fedeltà alla propria identità”.

Queste invece le parole dell’emozionato Gianfranco Bellini: “Quest’anno possiamo essere davvero contenti del nostro operato, perché la mostra dedicata a Simone Bianchi si presenta al pubblico con un carattere quasi internazionale. Siamo riusciti a dare vita ad una mostra unica nel suo genere, che va ben oltre il concetto di “mostra del fumetto”, sfociando in quella che è vera e propria arte”. Il Sindaco Luciano Bacchetta ha dichiarato: “Mai come quest’anno abbiamo bisogno di supereroi e quando ho saputo che la Mostra del Fumetto si sarebbe fatta, nel rispetto di tutte le norme di sicurezza, ho pensato che anche voi Amici del Fumetto foste un po’ dei supereroi”.

mostra del fumetto simone bianchi

Simone Bianchi, emozionato e quasi incredulo ha parlato così al pubblico: “Non mi sarei mai immaginato di poter allestire una mostra di questa portata, sia per la bellezza del luogo che le fa da cornice, sia per la mole di lavoro che vi è stato dietro. Per omaggiare Città di Castello ho pensato di creare anche alcune opere inedite che la riguardano; in primis una versione de “Lo Sposalizio della Vergine” reinterpretato a mio modo con i “miei” supereroi. Un lavoro lungo e complesso che spero possa sorprendere voi come ha sorpreso me. Sono veramente contento e onorato di poter esporre le mie opere in questa città, perché da subito ne sono rimasto affascinato”.

Al termine della presentazione, Tiferno Comics 2020 ha dunque aperto ufficialmente le sue porte al pubblico, in pieno rispetto delle norme anti covid, e lo farà fino al 25 ottobre. Orari di apertura: dal giovedì alla domenica, 10 – 12.30 e 16 – 19.30.