IL GIOCO DEL TEATRO: CON OFFUCINA SPAZIO AD ANTINOIA E IMPROVVISAZIONE

IL GIOCO DEL TEATRO: CON OFFUCINA SPAZIO AD ANTINOIA E IMPROVVISAZIONE

share

Nell'ambito di una serie di attività di animazione territoriale dal titolo “Il gioco del teatro”, a partire da metà gennaio, OFFUCINA darà il via a due laboratori teatrali.

  • il laboratorio interdisciplinare ANTINOIA, aperto ai giovani dai 14 ai 19 anni.
  • e il laboratorio sull'arte dell'IMPROVVISAZIONE, aperto a tutti senza limiti di età.

I corsi si svolgeranno due volte a settimana con sessioni di circa due ore, da gennaio fino a giugno. Sono attualmente aperte le iscrizioni. Chiunque fosse interessato a partecipare o voglia maggiori informazioni, può contattare Offucina Eclectic Arts allo 0743 222601 oppure via e-mail all'indirizzo info@offucina.com, o sul sito www.offucina.com

In francese si dice jouer, in inglese to play. In italiano si traduce con il verbo giocare.

 

L'obiettivo dei due laboratori è quello di animare il territorio attraverso attività teatrali, intese come momenti di aggregazione, partecipazione e crescita. Il laboratorio diventa il luogo dove impegnarsi in un gioco mirato ad arricchire i propri mezzi espressivi, dove interagire creativamente con gli altri, dove risvegliare le proprie attitudini sociali e comunicative. È il luogo dove ci si può avvicinare per la prima volta alla pratica del teatro, scoprendo le proprie potenzialità, o dove si possono approfondire precedenti esperienze fatte in quest'ambito. Frequentare un laboratorio teatrale non significa necessariamente voler diventare un attore professionista. La scelta può essere motivata da una semplice curiosità culturale, dalla voglia di approfondire una passione, dal desiderio di diventare uno spettatore più attento, dalla necessità di contrastare la noia e la routine in maniera creativa, ma anche dal desiderio di scoprirsi diversi, conoscere meglio noi stessi e ciò che ci sta intorno. Due sono le tipologie di corsi che verranno organizzati: l'arte dell'IMROVVISAZIONE (senza limiti di età) e il laboratorio interdisciplinare ANTINOIA (dai 14 ai 19 anni). Entrambi i corsi sono diretti dal regista Andrea Paciotto, coadiuvato e assistito da collaboratori di Offucina. Per ogni corso saranno previsti momenti di verifica ed eventuali presentazioni al pubblico (saggio/spettacolo).

 

LABORATORIO INTERDISCIPLINARE ANTINOIA (per giovani dai 14 ai 19 anni)Se tutto ti annoia e poche cose riescono ancora a sorprenderti, se fare le vasche in Borgo non ti basta più, se hai la sensazione che tutto intorno sia poco stimolante e non riesci a trovare lo spazio e il modo per esprimere la tua creatività e le tue qualità, se a volte senti la voglia sfrenata di gridare, saltare e rompere qualche cosa, se hai tra i 14 e 19 anni, se ti piacciono la musica, il cinema e il teatro, se vorresti provare ad esserne per una volta protagonista, allora sei la persona giusta per il laboratorio interdisciplinare antinoia. In questo laboratorio le tecniche del teatro, del video e della musica si fondono insieme per accompagnare i giovani in un percorso che intende stimolare e valorizzare le capacità espressive e la creatività, attraverso gli strumenti della comunicazione e delle arti sceniche contemporanee. I giovani verranno coinvolti in un lavoro di scoperta e apprendimento in gruppo, ma a partire dalle potenzialità e predisposizioni individuali. I mezzi e i materiali usati saranno: musica, corpo, voce, videocamere, video proiettori, strumenti musicali, computer, testi, oggetti, immagini, giochi e tutto quanto può servire a sviluppare idee creative e a comunicarle agli altri. Non è richiesta nessuna dote vocale, artistica o atletica particolare, ma solo un abbigliamento comodo e voglia a mettersi in gioco.

 

L'ARTE DELL'IMPROVVISAZIONE (senza limiti di età)

L'improvvisazione teatrale è una tecnica divertente e coinvolgente. Vi si integrano tutti gli strumenti espressivi che costituiscono l'arte dell'attore (training fisico, vocale, sensoriale, lavoro di gruppo). Va pensato come un gioco collettivo in forma di teatro, una serie di esercitazioni in cui gli attori non seguono un copione definito, ma recitano, agiscono e interagiscono, principalmente improvvisando con il corpo, con la voce e con la parola. L'improvvisazione teatrale è alla base della formazione dell'attore, per questo è molto diffusa nelle scuole di teatro, è radicata nella tradizione del teatro italiano attraverso gli artisti della Commedia dell'Arte. Negli ultimi decenni si è evoluta in tutto il mondo, sia come modalità di rappresentazione, come atto artistico in sé nella danza e nel teatro contemporanei, ma anche come pratica aggregativa, una sorta di nuova disciplina competitiva, attraverso veri e propri tornei tra squadre. Il suo fascino coinvolgente, viene dall'immediatezza e dalla spontaneità che questa pratica richiede a chi partecipa. Tramite l'improvvisazione si impara a re-agire creativamente ad una situazione drammatica (comica o tragica). La comunicatività, la creatività spontanea, la fantasia, la rapidità nel saper prender decisioni – una volta entrati in scena – e la gestione dell'imprevisto, sono le caratteristiche principali che si possono acquisire attraverso questo gioco teatrale. Il laboratorio si basa interamente sulla pratica, stimola a mettersi in gioco superando le barriere comunicative, i freni emotivi e fisici, ad attivare i propri meccanismi creativi e a migliorare le proprie qualità espressive, in maniera coinvolgente e divertente.

share

Commenti

Stampa