Il Comune scende dal Minimetro: le condizioni per la cessione delle quote

Il Comune scende dal Minimetro: le condizioni per la cessione delle quote

Redazione

Il Comune scende dal Minimetro: le condizioni per la cessione delle quote

Mar, 18/01/2022 - 11:02

Condividi su:


Base d'asta a 11 milioni di euro, socio industriale e controllo su eventuali nuove tratte | Le opposizioni: sbagliato vendere, soprattutto ora

Il Comune di Perugia pronto a scendere dal Minimetro. Via libera in Consiglio comunale all’alienazione della partecipazione azionaria del Comune di Perugia in Minimetrò Spa. Una decisione contestata dalle opposizioni, che hanno votato contro.

Base d’asta a 11 milioni

L’atto è stato illustrato dall’assessore alle partecipate Cristina Bertinelli. Il Comune è proprietario di 6.090 azioni della Minimetrò Spa, pari al 70% del capitale. Nel 2018 il Consiglio comunale ha deliberato di procedere alla vendita di tali azioni quale misura correttiva per ripianare il disavanzo tecnico di amministrazione accertato con il rendiconto di gestione per il 2014. Sono stati affidati a un professionista due incarichi (il primo nel 2020, il secondo, di aggiornamento, nel 2021) per la perizia di stima del valore delle azioni detenute dal Comune in Minimetrò S.p.A. E’ quindi emerso che il valore della partecipazione è pari a oltre 11 milioni di euro, somma che sarà individuata quale base di asta.

In cerca di un “socio industriale”

La procedura di vendita, secondo quanto evidenziato da un legale incaricato per l’assistenza al rup della gara, è attuabile non essendo in contrasto con lo statuto della Minimetrò, né con l’accordo di programma sottoscritto con il ministero delle Infrastrutture, né con il contratto di servizio vigente tra l’Ente e la società.

La gara, in ogni caso, dovrà essere riservata solo a favore di “una società di capitali che, per l’oggetto, offra la possibilità di fornire direttamente servizi qualificati o tecnologie ricompresi fra quelli previsti nell’oggetto sociale” (in sostanza un “socio industriale”).

Inoltre, il socio privato di Minimetrò, che è anche socio industriale, potrà esercitare il diritto di prelazione come previsto per legge.

Il richiamo della Corte dei conti

Bertinelli ha richiamato l’attenzione sul fatto che l’atto è scaturito anzitutto dalla richiesta di misure correttive da parte della Corte dei conti. Inoltre, il disavanzo tecnico da coprire incide per circa 1,2 milioni e anche il contratto di servizio incide in modo rilevante. L’alienazione, quindi, è ritenuta un modo per liberare risorse per l’erogazione di altri servizi.

La maggioranza: ecco i vantaggi economici

Molteplici, secondo l’amministrazione comunale, sono i vantaggi che deriverebbero dalla vendita delle azioni. A cominciare dall’introito (11 milioni, salvo ribassi d’asta) a beneficio del saldo di cassa, con minori interessi passivi sull’anticipazione di tesoreria, e contribuirà a ripianare il disavanzo tecnico accertato con il rendiconto di gestione dell’esercizio 2014. Tale disavanzo, ha precisato Bertinelli, “era pari a 35 milioni ed è stato ridotto a circa 21 milioni”.

Benefici indiretti emergerebbero, inoltre, in relazione alle fideiussioni rilasciate dal Comune alla Minimetrò sui mutui assunti (subentrerebbe il soggetto aggiudicatario della procedura di alienazione) e all’abbattimento dei costi accessori del servizio.

Di qui la proposta della Giunta di alienare al prezzo a base d’asta di 11.181.483,60 euro le azioni detenute in Minimetrò S.p.A. con procedura che rispetti i principi di pubblicità, trasparenza e non discriminazione mediante pubblicazione di apposito avviso.

Eventuali altre tratte

Nel bando di gara sarà anche esplicitato che qualsiasi intervento progettuale sulla linea dovrà essere subordinato alla preventiva valutazione di compatibilità finanziaria da parte del Consiglio comunale. Quindi, “il Comune avrà la possibilità di esercitare un controllo su eventuali altre tratte”.

Bertinelli: economie nella gestione del servizio

Secondo l’assessore Bertinelli, “l’alienazione delle quote è un’opportunità per il Comune perché determinerebbe anche economie di scala per il subentrante. Tale soggetto potrebbe creare economie anche nella gestione del servizio, con riflessi favorevoli sull’attuale contratto di servizio che ha una incidenza molto rilevante sulla spesa corrente”.

Tizi: sbagliato vendere in questo momento

Contrarie le opposizioni. Per Francesca Tizi (capogruppo M5s) non è conveniente vendere in questo momento di crisi economica legata alla pandemia: “Vendere le azioni in un momento come questo, anche solo per il fatto che la stima del valore è inferiore di circa un milione rispetto all’anno scorso, dovrebbe far capire che i tempi non sono maturi per procedere”.

Tizi ha poi parlato della questione delle fideiussioni prestate a suo tempo dal Comune alla società Minimetrò: “Come noto, la fideiussione è una garanzia personale a favore di un soggetto creditore, che è l’unico che può liberare dalla garanzia data e che lo farà qualora trovi un altro soggetto che gli presti altra valida garanzia”. Per la capogruppo, tuttavia, non sono state date né in commissione né in consiglio rassicurazioni sufficienti che il Comune sarà liberato dalla garanzia fideiussoria.

Infine, per la capogruppo M5s la politica da adottare doveva essere ben altra: “non vendere le quote, ma disincentivare l’uso dei mezzi privati”, anche attraverso la diminuzione del costo del biglietto del minimetrò.

“Farei il contrario – ha detto Maria Cristina Morbello (M5s) acquisterei il 100 per cento della società per organizzare il servizio nell’interesse della comunità, anche perché chi spenderà 11 milioni per le azioni vorrà riaverli indietro con gli interessi, attraverso i biglietti e le sovvenzioni pubbliche, cioè con i soldi dei perugini”.

Zuccherini: società solida

Francesco Zuccherini (Pd) ha ribadito quanto sostenuto in commissione: la società è solida dal punto di vista economico-finanziario ed è in grado di offrire un servizio importante a cittadini e turisti con un mezzo innovativo e adeguato al centro storico. Per il consigliere bisognerebbe soffermarsi soprattutto “sulle potenzialità non sfruttate dell’infrastruttura, non sulla possibilità di dismettere la partecipazione in una società che è una realtà positiva nello scenario cittadino e con indici di efficienza elevati”.

Zuccherini ha anche domandato come si potrà pensare a un piano di sviluppo del centro storico attraverso il potenziamento del servizio del minimetrò una volta dismessa la quota di partecipazione.

I dipendenti

Zuccherini e Tizi hanno espresso preoccupazione circa il futuro dei 12 dipendenti. Chiedendo opportune tutele e stigmatizzando il mancato confronto con i sindacati.

Casaioli: la società ha raggiunto il suo scopo

Cristiana Casaioli (Progetto Perugia) ha ricordato che la società Minimetrò fu costituita per la progettazione, la realizzazione e la gestione del minimetrò e che, se il Comune ha acquisito il 70 per cento delle azioni, è stato soprattutto per i primi due scopi perseguiti dalla società, ormai realizzati.

Ha poi richiamato il piano di misure correttive chiesto dalla Corte dei conti sicché il Consiglio comunale ha già deliberato la vendita delle azioni della Minimetrò.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!