III^ Commissione Regione incontra scuole Cascia e Nocera, richiesti nuovi indirizzi

III^ Commissione Regione incontra scuole Cascia e Nocera, richiesti nuovi indirizzi

Il presidente Solinas e il consigliere Squarta incontrano i sindaci e i rappresentanti scolastici

share

Il presidente della Terza Commissione Attilio Solinas ha incontrato stamani a Palazzo Cesaroni, presente anche il consigliere Marco Squarta (membro della Commissione), i sindaci dei Comuni di Cascia e Nocera Umbra, Mario De Carolis e Giovanni Bontempi, in merito ad alcune loro richieste relative al nuovo Piano regionale dell’offerta formativa e della programmazione della rete scolastica in Umbria, anno scolastico 2019-2020’ che verrà illustrato nel pomeriggio di oggi a Palazzo Cesaroni nel corso della riunione della Commissione.

L’incontro, che il presidente Solinas ha definito “informale”, è stato richiesto dai due primi cittadini di concerto con le due dirigenti scolastiche, Serenella Capasso (Nocera Umbra) e Simona Perugini (Cascia).

Per quanto concerne Cascia, la richiesta riguarda l’istituzione di un nuovo indirizzo Alberghiero in affiancamento all’esistente indirizzo Meccanico-Elettrico presso l’Ipsia dello stesso comune. La richiesta del Comune di Nocera Umbra riguarda invece una modifica di indirizzo: da Ipsia Mat (Manutenzione e assistenza tecnica) a Itis-Istituto Tecnologico elettrico-elettronico, articolazione elettrotecnica.

Entrambi i sindaci ed i rappresentanti scolastici hanno rimarcato la validità delle loro richieste quale opportunità importantissima per il territorio, alle prese con problemi riguardanti un prevedibile spopolamento dovuto al post sisma per il Comune di Cascia e ad una crisi sostanziale e generalizzata che sta interessando da anni la Fascia appenninica per quanto attiene quello di Nocera Umbra.

Come lo stesso Solinas ha precisato in conclusione, l’incontro ha rappresentato un passaggio propedeutico ad una più ampia fase partecipativa (prevista per la prossima settimana) legata alla discussione del ‘Piano’.

La Regione segue dunque l’indirizzo espresso alcuni giorni fa dalla Provincia nei confronti dell’apertura di nuovi indirizzi scolastici in alcune città, mentre per altre le cose non sembrano essere andate meglio, come nel caso dell’insegnamento della lingua cinese a Spoleto.

Nuovi indirizzi scolastici in provincia di Perugia, ma è scontro politico sulla lingua cinese a Spoleto

share

Commenti

Stampa