I RIFORMISTI SOCIALISTI PROPONGONO LA CREAZIONE DELLA "FESTA DELL'UNITA' NAZIONALE" - Tuttoggi.info

I RIFORMISTI SOCIALISTI PROPONGONO LA CREAZIONE DELLA “FESTA DELL'UNITA' NAZIONALE”

Redazione

I RIFORMISTI SOCIALISTI PROPONGONO LA CREAZIONE DELLA “FESTA DELL'UNITA' NAZIONALE”

Mer, 02/12/2009 - 17:06

Condividi su:


I Socialisti riformisti , guidati in Consiglio Comunale dal Consigliere Enzo Alleori, propongono attraverso una Mozione, l'istituzione di una solennità civile per il 18 febbraio, Festa dell'Unità Nazionale, e per un programma di iniziative ad essa collegate.

Ecco il testo della mozione:

PREMESSO CHE

in tempi nei quali il dibattito politico ha per tema il federalismo, con tutti i suoi risvolti di carattere fiscale o amministrativo fino alle varianti estremizzate di carattere retributivo o dei programmi scolastici, è necessario tenere sempre presente il valore dell'Unità d'Italia.

Qualsiasi iniziativa pro nord e pro sud non può avere senso se non si inserisce nella cornice dell'Unità, come ben seppero fare i Costituenti e i legislatori della Repubblica Italiana nel secolo scorso. Oggi, nella dimensione europea e di fronte a migrazioni di persone e di culture di vastità sempre più consistente fino ad essere a volte incontenibile specialmente per il nostro Paese proteso nel Mediterraneo, occorre essere presenti in un confronto che non può prescindere dalle radici storiche della nostra nazione e dal processo che ha portato alla sua costruzione ed agli avvenimenti di 150 anni di storia comune.

CONSIDERATO CHE

Il 150° anniversario dell'Unità d'Italia va quindi vissuto come momento costruttivo, non di celebrazione formale o riservato agli storici di professione. Esso ha valenze attuali di carattere educativo, politico, sociale e culturale; non può quindi passare come una ricorrenza tra l'indifferenza o la distratta attenzione volta all'immediatezza o, peggio, alle battute, purtroppo sempre più frequenti di una politica di annunci televisivi sempre più spoglia di proiezione ideale e culturale. La politica non può prescindere da un substrato di filoni culturali.

L'Italia ha vissuto il suo Risorgimento tra contrasti anche laceranti, ma l'Unità è stata conseguita anche sul piano politico. Nel secondo dopo guerra le contrapposizioni ideologiche ed il clima di guerra fredda non hanno impedito il rafforzarsi ed il crescere della nostra Nazione, sotto il profilo sociale, economico e culturale, sulla base unitaria della Costituzione Repubblicana.

VALUTATO CHE

Ci sembra molto giusta l'iniziativa della Regione Piemonte di proporre il 18 febbraio, giorno in cui si riunì per la prima volta il Parlamento Nazionale come solennità civile Festa dell'Unità Nazionale. Ci sembra la più importante insieme a quella della ritrovata democrazia.

TENUTO CONTO CHE

Non possiamo essere inattivi sul nostro territorio.

IL CONSIGLIO COMUNALE DI SPOLETO IMPEGNA IL SINDACO E LA GIUNTA A

  1. Adottare un programma di iniziative per rendere il 150° dell'Unità d'Italia una ricorrenza concretamente e culturalmente vissuta, specialmente dai giovani. In questo progetto di iniziative andranno impegnate scuole, associazioni ed enti locali, in una logica di ricerca sul nostro territorio e di sviluppo delle relazioni che si crearono allora. Fondamentale è altresì, in questa iniziativa, la connessione con il nostro presente e con il mondo, di oggi e del futuro, per far sì che il Risorgimento italiano, pur nelle diverse interpretazioni storicamente vagliate e spogliato da ogni retorica retrospettiva, sia vissuto per la sua caratteristica di spinta a creare relazioni umane di profonda solidarietà nel nostro Paese ed un sistema mondiale sempre più libero e giusto.

  2. Inviare al Presidente della Repubblica, ai Presidenti delle Camere e al Capo del Governo gli atti della risoluzione che il Consiglio Comunale adotterà.


Condividi su:


ACCEDI ALLA COMMUNITY
Leggi le Notizie senza pubblicità
ABBONATI
Scopri le Opportunità riservate alla Community
necrologi_spoleto

L'associazione culturale TuttOggi è stata premiata con un importo di 25.000 euro dal Fondo a Supporto del Giornalismo Europeo - COVID-19, durante la crisi pandemica, a sostegno della realizzazione del progetto TO_3COMM

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!


    trueCliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

    "Innovare
    è inventare il domani
    con quello che abbiamo oggi"

    Grazie per il tuo interesse.
    A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!