Gualdo Tadino eletta "Città che legge" - Tuttoggi

Gualdo Tadino eletta “Città che legge”

Redazione

Gualdo Tadino eletta “Città che legge”

In Umbria solo 15 centri umbri hanno ottenuto l'importante investitura del Centro per il Libro e la Lettura (Cepell)
Mar, 11/04/2017 - 13:06

Condividi su:


Gualdo Tadino e la cultura, un binomio che ogni giorno diventa sempre più forte, tanto da raggiungere un altro grande risultato. Il Comune ha infatti ottenuto la qualifica di “Città che legge” da parte del circuito del Centro per il Libro e la Lettura (Cepell) che promuove e valorizza quelle Amministrazioni comunali impegnate a svolgere con continuità sul proprio territorio politiche pubbliche di promozione della lettura.

L’iniziativa, promossa dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, d’intesa con l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (Anci), vuole riconoscere e sostenere la crescita socio-culturale attraverso la diffusione della lettura come valore riconosciuto e condiviso, in grado di influenzare positivamente la qualità della vita individuale e collettiva.

Dei 520 Comuni che hanno partecipato all’Avviso per la qualifica di “Città che legge”, pubblicato il 5 dicembre 2016, solo 363 a livello nazionale hanno dimostrato di possedere i requisiti richiesti: Gualdo Tadino è tra questi e figura, in Umbria, tra i soli 15 centri selezionati.

Una “Città che legge” garantisce ai suoi abitanti l’accesso ai libri e alla lettura, ospita festival, rassegne o fiere che mobilitano i lettori e incuriosiscono i non lettori, partecipa a iniziative congiunte di promozione della lettura tra biblioteche, scuole, librerie e associazioni e aderisce a uno o più dei progetti nazionali del Centro per il Libro e la Lettura (Libriamoci, Maggio dei libri, In Vitro).

Sono estremamente soddisfatta – ha sottolineato l’assessore alla Cultura Emanuela Venturiper l’ottenimento di questo importante riconoscimento, che testimonia la vitalità culturale della nostra comunità. Gualdo Tadino figura tra i soli 15 centri umbri ammessi nell’elenco delle ‘Città che Leggono’ e questo ci inorgoglisce molto. Ciò rappresenta un ulteriore stimolo a favorire iniziative che rafforzino nei cittadini il piacere di leggere. La lettura, infatti, ci aiuta a crescere come persone, migliora la nostra cultura, la nostra conoscenza e ci insegna molte cose che possono essere utili anche nella vita quotidiana”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!