Il furto in chiesa è di lieve entità: non punibile il ladro pizzicato ad Assisi - Tuttoggi

Il furto in chiesa è di lieve entità: non punibile il ladro pizzicato ad Assisi

Flavia Pagliochini

Il furto in chiesa è di lieve entità: non punibile il ladro pizzicato ad Assisi

Dal 2015 nell'ordinamento giudiziario italiano è entrato in vigore un nuovo istituto giuridico: se il furto è lieve e non abituale, il fatto non è punibile
Lun, 24/09/2018 - 10:16

Condividi su:


Il furto di appena cinque euro che non sia un fatto abituale non è punibile, e così il 54enne italiano che era stato fermato dalla Polizia per un furto in chiesa ad Assisi non finirà davanti al giudice. A chiedere l’archiviazione del reato è stato direttamente il pm. Il 2 aprile 2015 è infatti entrato in vigore il D.Lgs. 28/2015 che ha introdotto nell’ordinamento penale un nuovo istituto giuridico (articolo 131-bis del Codice penale): la non punibilità per particolare tenuità dell’offesa.

“Nei reati per i quali è prevista la pena detentiva non superiore nel massimo a cinque anni, ovvero la pena pecuniaria, sola o congiunta alla predetta pena, la punibilità è esclusa quando, per le modalità della condotta e per l’esiguità del danno o del pericolo, valutate ai sensi dell’articolo 133, primo comma, l’offesa è di particolare tenuità e il comportamento risulta non abituale”, si legge tra l’altro nel dispositivo.

Nel caso di specie, l’uomo, un 54enne palermitano, era stato fermato dalla Polizia di Stato nei giorni scorsi all’uscita da una chiesa di Assisi: dopo la perquisizione, era stato trovato in possesso di circa 5 euro, rubati dalla cassetta della questua facendo finta di pregare. Accusato di furto e di porto di strumenti da scasso (nastro biadesivo e flessometro per rubare i soldi dalle cassette delle offerte), era stato denunciato, ma per il pm il comportamento non è abituale – la legge spiega che “Il comportamento è abituale nel caso in cui l’autore sia stato dichiarato delinquente abituale, professionale o per tendenza ovvero abbia commesso più reati della stessa indole” – e, anche vista la tenuità del reato, “l’esercizio dell’azione penale non appare giustificata dalle modalità del fatto…”. Nessuna imputazione, quindi, e nemmeno nessun processo futuro per l’uomo.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!