Fondazione Umberto Rossini, 4 borse di studio agli studenti degli istituti tecnici del territorio

Fondazione Umberto Rossini, 4 borse di studio agli studenti degli istituti tecnici del territorio

Domani mattina nella sede di Confindustria di Terni la consegna delle borse di studio dal valore di 500 euro ciascuna

share

Saranno assegnate sabato 20 ottobre a Terni, nella sede di Confindustria Umbria, le borse di studio che ogni anno la Fondazione Umberto Rossini mette a disposizione degli studenti delle scuole superiori del territorio.

Si tratta di quattro borse di studio del valore di 500 euro ciascuna per progetti presentati dagli istituti tecnici nell’ambito della meccanica, dell’elettronica  e delle costruzioni e progettazione nautiche e di una borsa di studio per l’Istituto europeo che ha partecipato con il proprio lavoro nel progetto di scambio culturale.

La Fondazione Umberto Rossini è stata fondata a Terni nel 2003 dai fratelli Arnaldo (scomparso nel 2012) e Rinaldo Rossini (nella foto con il presidente di Confindustria Umbra Antonio Alunni) e dall’imprenditore Giampietro Persichetti con lo scopo di diffondere la cultura civica e imprenditoriale nelle scuole, contribuendo a far dialogare e incontrare il mondo della scuola con quello dell’impresa.

Le borse di studio sono sostenute, oltre che dalla Fondazione Rossini, da alcune realtà aziendali del territorio: F.lli Canalicchio, Nuova Steim e Iris.

Sono sei i progetti che il comitato scientifico composto da imprenditori e professionisti ha valutato e selezionato per la fase finale. I sei progetti, a cui se ne aggiunge un settimo presentato da uno studente tedesco di un liceo di Bonn, saranno illustrati in occasione della cerimonia di premiazione in programma sabato 20 ottobre che avrà inizio alle 9.30 e sarà aperta dal saluto del vicepresidente della sezione territoriale dei Terni di Confindustria Umbria Tullio Camiglieri. Seguiranno gli interventi del presidente della Fondazione Rossini Rinaldo Rossini e del componente del Comitato scientifico Stefano Villamena.

share

Commenti

Stampa