Fior di Cacio, è tutto pronto / Due giorni di eventi e degustazioni

Fior di Cacio, è tutto pronto / Due giorni di eventi e degustazioni

Appuntamento irrinunciabile per gli amanti dei formaggi e della natura

share

Prende il via oggi e proseguirà per tutto domani Fior di Cacio, la manifestazione umbra dedicata ai formaggi di qualità. Nata con lo scopo di valorizzare ed esaltare le piccole produzioni casearie della Valnerina, terra tradizionale di pastori, questa festa di metà giugno negli anni si è imposta come un appuntamento irrinunciabile per tutti gli estimatori dei migliori prodotti agroalimentari e artigianali del centro-Italia. Gli espositori presenti all’edizione del 2015 sono più di sessanta e ben venti presentano formaggi caratteristici, vere e proprie ricercatezze ottenute spesso dalla lavorazione con latte crudo, attraverso l’impiego di cagli particolari o di stagionature disparate.

La giornata del tredici giugno apre con l’inaugurazione della Mostra mercato alle 10.30 lungo le vie e le cantine dello splendido villaggio medievale. A tagliare il nastro insieme alle autorità locali ci sarà il professor Ivo Pulcini, cardiologo e medico dello sport impegnato anche nel campo dell’alimentazione; prosegue con un workshop dedicato alla presentazione di strumenti multimediali relativi alla promozione dei formaggi: la presentazione di una guuida, di un video, di un libro ricerca sulla caseificazione in Valnerina e di due siti internet. Partecipano il sindaco di Vallo di Nera Agnese Benedetti, il presidente del Bim Nera-Velino Egildo Spada, Enrico Testa del GAL Sibillini – Valle Umbra, Fulvio Porena del Cedrav, Carlo Prepi, Pietro Floris, Cino Wang Platania esperti di marketing.

Nel pomeriggio i ‘Mille matrimoni del formaggio’, tenuti dal gourmet Renzo Fantucci e da Promocamera Camera di Commercio, propongono l’assaggio e l’abbinamento di formaggi con vino, birra, confetture, miele, tartufo. La prenotazione sul posto prima dell’inizio è obbligatoria, mentre è ad accesso libero ‘La formaggissima in 3P’ ovvero la degustazione di prosciutto di Norcia IGP tagliato a mano, di pane locale e di pecorino cotto ai ferri. Per i bambini nel pomeriggio ci sono truccabimbi e giochi di fantasia, la visita alla Mostra dei fossili provenienti da tutto il mondo e il laboatorio di riproduzione degli ammoniti.

Alle 17,00 un pulmann partirà da Vallo di Nera per raggiungere Meggiano e Piedilacosta, lungo i sentieri della transumanza dove si potranno visitare la chiesa di San Michele Arcangelo, protettore dei pastori, gustare pizza calda, ricotta calda e salumi locali. Nel tardo pomeriggio rientro a Vallo di Nera per il coinvolgente spettacolo della ‘Western Country band’ e dei maestri e ballerini del ‘Go West’.

Domenica 14 giugno la manifestazione apre con la Messa nella chiesa di Santa Maria e i canti del coro gregoriano della Valnerina, la visita gidata alle chiese romaniche e alla Casa dei Racconti, l’esibizione del ‘Gruppo di Tamburini e arcieri di Norcia’, I mille matrimoni del formaggio e La Formaggissima, l’esibizione pomeridiana delle ginnaste dell’associazione La Fenice e della scuola di danza ‘Formidable’.

Nel pomeriggio alle 16,30 appuntamento con la ‘Maxi ricotta di Fior di Cacio’ presentata dai ‘Cavalieri della Tavola apparecchiata’ dentro una grande cesta di vimini preparata per l’occasione da Genesio Rosati artigiano di Paterno. Nelle piazze e nelle strade musica di stornelli e organetto. A seguire proclamazione dei vincitori del ‘Premio Fior di Cacio-Vallo di Nera’, concorso svolto in collaborazione con ONAF che premierà i migliori formaggi in gara, divisi in otto categorie.

Alle 17,30 nella chiesa-auditorium di Santa Caterina il professor Antonello Lamanna presenterà il video ‘La valle parlante’ dedicato alla poesia pastorale con protagonista il pastore-cantastorie di Vallo di Nera, Riziero Flammini che interverrà insieme al sindaco Agnese Benedetti, a Glenda Giampaoli e a Fulvio Porena. La manifestazione si concluderà in piazza con Mirko Revoyera e lo spettacolo di narrazione ‘La cuntata di scapiticollo’ tratta da ‘Lo cunto de li cunti’ di Giambattista Basile. Durante tutta la giornata passeggiate a dorso di asinelli, truccabimbi e bolle di sapone giganti.

share

Commenti

Stampa