Festival di Spoleto, nel giorno della Prima uno sguardo sul futuro con "Il Festival siamo noi" - Tuttoggi

Festival di Spoleto, nel giorno della Prima uno sguardo sul futuro con “Il Festival siamo noi”

Redazione

Festival di Spoleto, nel giorno della Prima uno sguardo sul futuro con “Il Festival siamo noi”

Nel giorno della Prima,gli studenti che partecipano al progetto, rappresentano la migliore proposta possibile per un futuro pieno di sorprese.
Gio, 20/08/2020 - 08:37

Condividi su:


Se c’è qualcosa che dovrebbe essere evidente proprio il giorno della Prima alzata di sipario al Festival dei Due Mondi di Spoleto, è la speranza di futuro.

Un futuro tutto in mano alle giovani generazioni che crescono in questa nostra splendida città, ricca di storia ma anche di cultura e di proposta per una nuova forma di espressione.

Proprio come lo può essere la danza, la musica e il teatro che sono i cardini della manifestazione fondata da Gian Carlo Menotti 63 anni fa.

Uno degli appuntamenti collaterali agli spettacoli in programma è proprio Il Festival siamo noi, ovvero un interessante progetto per rendere partecipi i ragazzi delle scuole cittadine di ciò che è ormai intessuto strettamente con la vita quotidiana della città, dove i piccoli studenti vivono tutto l’anno.

Il Festival va dagli studenti, grazie anche ad uno straordinario staff, e dai ragazzi riceve imput per ciò che potrebbe essere il futuro: una speranza di futuro appunto.

Nel 2020, a causa della pandemia e con la sospensione delle attività scolastiche in presenza, il Festival però non si è arreso alla mancanza di contatto fisico e come tutti ha messo mano alla tecnologia e a “santo” Youtube, creando una serie di video che parlano dei ragazzi e del Festival.

Ne proponiamo uno per tutti in questo articolo, ricordando che sono integralmente visibili anche attraverso il sito ufficiale del Festival il canale Youtube di Spoleto63 e la pagina facebook.

La mostra completa dei lavori che hanno partecipato a Il Festival siamo noi, organizzata e coordinata da Davide Placidi, è visitabile per tutta la durata di Spoleto63 al piano terra di palazzo Mauri, sede della biblioteca comunale, dove è possibile trovare anche il punto merchandising dell’evento.

Nel giorno della Prima, questi ragazzi rappresentano la migliore proposta possibile per un futuro pieno di sorprese.

(C.V.)

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!