Ex Merloni, Riommi, forte intesa tra Regione e Abi dopo la proroga della cassa integrazione - Tuttoggi

Ex Merloni, Riommi, forte intesa tra Regione e Abi dopo la proroga della cassa integrazione

Redazione

Ex Merloni, Riommi, forte intesa tra Regione e Abi dopo la proroga della cassa integrazione

Lun, 20/01/2014 - 14:50

Condividi su:


Ex Merloni, Riommi, forte intesa tra Regione e Abi dopo la proroga della cassa integrazione

(Ale. Chi.) – Anche Vincenzo Riommi, l'assessore regionale allo Sviluppo Economico, è intervenuto con un suo comunicato stampa a proposito dell'accordo raggiunto tra Regione e Abi per sostenere i lavoratori della Ex Merloni. Sarà ora necessaria un'intesa ed una forte sinergia tra enti regionali per dare il giusto risalto al problema della fascia appenninica. “C'è piena intesa tra Regione ed Abi per rispondere immediatamente alle esigenze di sostegno dei lavoratori della ex Antonio Merloni e di J&P Industries destinatari dei provvedimenti del ministero del Lavoro che hanno prorogato la cassa integrazione straordinaria per un periodo massimo che va da 6 a 12 mesi”.
Riommi ha sottolineato che “Abi e Regione hanno concordato di applicare la convenzione nazionale relativa alla anticipazione sociale dell'indennità di cassa integrazione straordinaria sottoscritta a livello nazionale lo scorso 20 dicembre tra Abi, Confindustria, Cgil, Cisl, Uil e Ugl. Il provvedimento del ministero interessa in Umbria oltre 950 lavoratori per un periodo massimo che va da 6 a 12 mesi. Abi comunicherà nelle prossime ore alla Regione quali sono le banche già operative sulla convenzione (la quasi totalità degli istituti di credito operativi in Umbria), per consentire nei prossimi giorni l''avvio della presentazione delle richieste di anticipazione da parte dei lavoratori interessati”.

Da parte sua l'ABI con i suoi rappresentanti fa sapere che “l'anticipazione sarà concessa sulla base del protocollo nazionale in vigore attraverso l'apertura di appositi conti tecnici senza l'applicazione di spese di apertura conto”.

Leggi anche:

Riproduzione riservata


Condividi su:


Aggiungi un commento