Ex Fcu, partiti i lavori sulla tratta Umbertide-Città di Castello "Riapertura in primavera" - Tuttoggi

Ex Fcu, partiti i lavori sulla tratta Umbertide-Città di Castello “Riapertura in primavera”

Davide Baccarini

Ex Fcu, partiti i lavori sulla tratta Umbertide-Città di Castello “Riapertura in primavera”

Sindaci altotiberini e assessori regionali alla stazione di Umbertide per l'apertura del cantiere
Lun, 18/09/2017 - 14:18

Condividi su:


Il cantiere è finalmente aperto. Sono partiti ufficialmente questa mattina (lunedì 18 settembre) a Umbertide i lavori sulla ex Ferrovia centrale umbra (ex Fcu), più precisamente quelli sul tratto di 24 chilometri Umbertide-Città di Castello, a cui sono stati destinati oltre 18 milioni di euro (sui 51 stanziati dal Cipe per la riqualificazione).

Presenti al via delle opere tutti i sindaci del comprensorio, Luciano Bacchetta (Città di Castello), Marco Locchi (Umbertide) e Paolo Fratini (San Giustino), il vicesindaco di Sansepolcro Luca Galli, gli assessori regionali alla Cultura Fernanda Cecchini e ai Trasporti Giuseppe Chianella, e il direttore territoriale di Rete Ferroviaria Italiana (Rfi) Stefano Morellina che ha spiegato in dettaglio, davanti alle ruspe e ai container, cosa avverrà intorno ai due presidi di Trestina e Umbertide nelle prime tre settimane:

Dobbiamo prima di tutto avvicinare a queste stazioni 3000 tonnellate di rotaie, 12.000 tonnellate di traverse e 46.000 metri cubi di pietrisco. I primi 25 giorni saranno dunque di allestimento di cantiere e preparazione, una sorta di ‘fase zero’. Da qui partiremo con lo smontare il vecchio binario, ricostruire quello nuovo e sistemare la sede in modo da poter riaprire nella primavera 2018

Avevamo detto di partire a metà settembre e così è stato – ha detto l’assessore ChianellaOggi è una mattinata positiva alla presenza di tutti i sindaci e chi ha fatto di tutto per poter arrivare a questo giorno. Posso anche annunciare che Umbria Mobilità, venerdì mattina, ha chiesto all’impresa dei lavori di Ponte San Giovanni e Sant’Anna tutta la documentazione per la stipula del contratto. Il lavoro che l’Amministrazione regionale, l’azienda Umbria Mobilità-Tpl e Rfi hanno fatto va avanti da diverso tempo”. “Abbiamo inoltre già programmato – ha aggiunto l’assessore sul passaggio di proprietà e gestione della ferrovia a Rfi – un’altra riunione a Roma per il trasferimento di concessione“.

Siamo soddisfatti di questa apertura ‘simbolica ed effettiva’– ha dichiarato Bacchettaraggiunta a seguito di una grande mobilitazione da parte di istituzioni e cittadini. E’ stata una battaglia civile ma anche culturale, perché la ferrovia fa parte della nostra storia. L’ipotesi, che è anche una certezza, è quella di finire in quattro mesi“. “Siamo sempre stati uniti, in particolar modo su questa vicenda – ha sottolineato Locchi I sindaci di questa tratta e questi territori si sono sempre incontrati con obiettivi ben precisi. Succede anche oggi, dove siamo a rimarcare la necessità di avviare questi lavori per rispettare i tempi e ridare rapidamente un servizio a questa zona dell’Umbria“. “Intenti comuni per un’infrastruttura troppo importante – ha concluso FratiniLa manutenzione straordinaria e ordinaria di questa ferrovia è stata dimenticata per troppi anni ,oggi finalmente ci sono atti concreti per ridarle l’importanza che merita“.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!