Domenico Manna presenta a Scheggino il libro “Il Tartufo e la Tartuficoltura in Italia” nell’ambito della manifestazione Diamante Nero 2017

Domenico Manna presenta a Scheggino il libro “Il Tartufo e la Tartuficoltura in Italia” nell’ambito della manifestazione Diamante Nero 2017

L’opera, commissionata dal CEDRAV, costituisce il momento di approfondimento sulle tematiche del tartufo e della sua preservazione

share

Già in una sua precedente Opera, edita nel 2013 dal CEDRAV e dalla Quattroemme Srl di Perugia, dal titolo “Il Tartufo Nero di Norcia e di Spoleto”, Domenico Manna affrontò il tema appassionante delle vicende storiche e delle tecniche colturali di questo ricercato e per alcuni aspetti ancora misterioso fungo ipogeo, a giusto titolo vanto indiscusso delle terre d’Umbria. Con questa ulteriore pubblicazione dal titolo “Il Tartufo e la Tartuficoltura in Italia” l’Autore estende all’intero genere Tuber una minuziosa e accurata ricerca bibliografica e archivistica, e analizza l’intero sviluppo della tartuficoltura italiana e l’evoluzione storica e scientifica che ha caratterizzato il tartufo nei secoli, realizzando un’opera che non esiste nel panorama librario.
Questo non poteva che partire dall’Umbria e più precisamente dal nostro territorio che è fortemente caratterizzato da questo pregiatissimo prodotto, con un discorso che si allarga alle vicende, ai personaggi, allo sviluppo del pensiero che sempre precede la scienza, e segue lo sviluppo dell’idnologia nell’ambito del più vasto campo delle scienze botaniche e micologiche. Attraverso i secoli vengono analizzati gli eventi correlati, descritti i vari personaggi e scienziati che si sono occupati del tartufo, non tralasciando gli aspetti giuridici e ciò che riguarda gli artefici della nascita dell’industria conserviera. In questo campo il primato del nostro territorio è totale e come fra gli studiosi vengono annoverati molti nomi nuovi, anche fra i conservieri si è scoperto qualche caso di cui si è perso la memoria.
Trattandosi di un’opera ancora più complessa della precedente pubblicazione, che segue tutto lo sviluppo scientifico riguardante il tartufo, non si poteva non fare dei richiami ad alcuni dei grandi studiosi europei che, in sinergia con i nostri uomini di scienza, hanno fatto delle scoperte a volte fondamentali per il progresso di questa scienza.
L’opera e la presenza di Francesco Francolini, è stata di fondamentale importanza per esaltare la nostra regione in questo campo. Il suo rapporto con O. Mattirolo, uno dei più grandi scienziati di tutti i tempi nel campo dei funghi ipogei, ha contribuito a dare un respiro nazionale a questa sua opera e, nel contempo, ci ha lasciato tante lettere con notizie interessanti ed originali, che vengono riportate in appendice al libro.
Si può dire che questa pubblicazione vada a completare il quadro storico-evolutivo del tartufo che nella precedente opera riguardava quasi esclusivamente il tartufo nero pregiato, e quindi il CEDRAV rende un ottimo servizio innanzitutto al nostro territorio, ma anche all’Italia intera.
Nella prefazione al libro, Mario Palenzona che appartiene al ristretto gruppo dei pionieri della moderna tartuficoltura europea, scrive: “In conclusione Domenico Manna, in questo suo libro, ha compiuto un importante e rimarchevole lavoro storico, non frutto di copia-incolla da scritti di Autori di ogni epoca ma di una attenta ricostruzione di dati ed eventi, puntualmente commentati, raccolti alla fonte grazie a un impegno bibliografico e archivistico in materia senza precedenti. Il volume che ne è sortito è per il lettore una vera miniera di informazioni, che evidenzia, senza vanti o campanilismi, come da sempre le Tuberacee siano argomento affrontato in grande prevalenza da studiosi italiani e come ai pionieri della nostra micologia debbano essere giustamente riconosciuti tutti i meriti loro dovuti.
L’appuntamento con l’Autore Domenico Manna per la presentazione ufficiale del volume è per domenica 9 aprile 2017 al Piccolo Teatro di Scheggino nell’ambito della manifestazione Diamnte Nero 2017.

share

Commenti

Stampa