Discarica Ast, M5S "Totale assenza della Regione" - Tuttoggi

Discarica Ast, M5S “Totale assenza della Regione”

Redazione

Discarica Ast, M5S “Totale assenza della Regione”

Mar, 22/03/2022 - 16:24

Condividi su:


"Gli intenti della proprietà Arvedi sull'aumento dei volumi produttivi non possono prescindere dell'impianto strategicamente più importante: la discarica"

“La Regione Umbria verifichi urgentemente le tempistiche e l’attuazione del progetto del nuovo impianto di trattamento e recupero delle scorie all’interno delle Acciaierie di Terni. Azioni imprescindibili per la sopravvivenza del polo siderurgico e per l’eliminazione del problema delle polveri di Prisciano” – è quanto si legge in una note del consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, Thomas De Luca.

La discarica Ast

“L’aggiornamento dell’Autorizzazione Integrata Ambientale – spiega il consigliere avvenuto con la D.D. n° 5598 del 9/6/2021 prevedeva la demolizione del capannone ex RID, l’adeguamento del capannone ferroleghe in storage per ospitare il nuovo impianto al chiuso e la costruzione della nuova rampa scorie (lato nord) entro maggio 2022. Tempistiche utili a rendere il nuovo impianto operativo a gennaio 2023. A che punto siamo, visto che manca poco più di un mese a questa scadenza?
Le dichiarazioni d’intenti della nuova proprietà Arvedi sull’aumento dei volumi produttivi non possono prescindere dell’impianto strategicamente più importante del polo siderurgico: la discarica”.

Totale assenza della politica regionale

“Con un milione e mezzo di tonnellate e l’attuale livello di smaltimento, qual è la vita residuale della discarica di Valle? Non esiste alcuna possibilità di ampliamento del sito, basta aprire google maps per rendersene conto. Quante sono ad oggi le tonnellate di recuperato metallico e quante invece finiscono in discarica? Qual è il trend rispetto a quanto avveniva negli scorsi anni? Che monitoraggio sta facendo ARPA su questo?
Per l’ennesima volta
– conclude De Luca – siamo costretti a registrare la totale assenza della politica regionale e locale, pronta esclusivamente a sperticarsi in inchini ed incapace di un ruolo terzo a tutela degli interessi della città. Al massimo nel 2021 l’annoso problema delle polveri di Prisciano sarà completamente risolto. “Si tratta di una soluzione definitiva e certa” dichiaravano l’assessore Morroni e la vicesindaca Salvati nel dicembre 2019. Dopo di questo il nulla”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!