Danza nei territori del sisma, da lunedì c'è Home Futuro Presente

Danza nei territori del sisma, da lunedì c’è Home Futuro Presente

Redazione

Danza nei territori del sisma, da lunedì c’è Home Futuro Presente

Ven, 18/06/2021 - 16:37

Condividi su:


Il primo appuntamento lunedì a Norcia, il programma

Si chiama “HOME Futuro Presente – Movimenti di danza nei territori del sisma” il progetto creato da Dance Gallery per i Comuni di Norcia, Cascia ed Arrone, in risposta all’avviso pubblico per il sostegno a progetti di spettacolo dal vivo nei comuni del cratere del terremoto della Regione Umbria. Il primo appuntamento è in programma a Norcia lunedì 21 giugno.

Tra residenze, performance, spettacoli e laboratori, HOME Futuro Presente integra diverse pratiche artistiche e si rivolge alle comunità con azioni specifiche in base a differenti fasce d’età. Danza, teatro, circo contemporaneo, video storytelling, narrazioni, canto, fotografia terapeutica per un racconto del passato e nuovi visioni di futuro.

Home Futuro Presente, il programma

Si comincia lunedì 21 giugno con la Festa della musica, un incontro unico e speciale tra 9 giovani danzatrici e danzatori dell’Umbria, 3 artiste della compagnia Sosta Palmizi e la compagnia giovani di D.R.OP. Project di Bologna, in un vortice di musica e di danza che anima le strade e le piazze del centro storico di Norcia.

Le performance di musica e danza partono da Piazza san Benedetto alle 17.30, si svolgono tra strade vicoli e piazzette, dentro e fuori le mura, e terminano alle 21.30 in Piazza San Benedetto per celebrare l’estate, l’arte, la vita che riprende. “Un inno alla vita e allo spettacolo dal vivo che si manifesta all’improvviso e in cui ci si imbatte camminando e cercando tra le strade, i giardini e le piazze della città“.

La produzione è di Dance Gallery, la regia di Valentina Romito e la direzione tecnica di Gilles Dubroca. I danzatori: Camilla Branchetti, Luca Calderini, Valerio Cassa, Simona Ceccobelli, Lucia Di Pietro, Mattia Maiotti, Livia Massarelli, Compagnia giovani D.R.OP. di Elisa Pagani (Bologna), Francesca Antonino, Cinzia Sità, Cecilia Ventriglia (Sosta Palmizi).

Mercoledì 23 giugno alle 20.15, è la volta della Compagnia Zerogrammi con il suo Elegia delle cose perdute, oggetto, regia e coreografia di Stefano Mazzotta, creato con e interpretato da Alessio Rundeddu, Amina Amici, Damien Camunez, Gabriel Beddoes, Manuel Martin, Miriam Cinieri, Riccardo Micheletti. Elegìa delle cose perdute è una riscrittura dal romanzo I Poveri dello scrittore e storico portoghese Raul Brandao. Il paesaggio evocato da questo riferimento letterario, in bilico tra crudo, aspro, onirico e illusorio, ha la forma dell’esilio, della nostalgia, della tedesca sehnsucht, della memoria come materia che determina la traccia delle nostre radici e identità e, al contempo, la separazione da esse e il sentimento di esilio morale che ne scaturisce. I quadri che compongono la narrazione diventano la mappa di un viaggio nei luoghi (interiori) dei personaggi de I Poveri: figure derelitte e però goffe al limite del clownesco, accomunate dal medesimo sentimento di malinconica nostalgia e desiderio di riscatto.

Venerdì 25 giugno alle 20.15 in Piazza San Benedetto a Norcia, la Compagnia ArtGarage presenta Silence Music of Life, Coreografia, installazione e costumi di Emma Cianchi. Performance di Maria Anzivino, Ginevra Cecere, Marcella Martusciello, Antonio Nicastro, Armando Rossi. I performer e i sound designer di Silence music of life si fondono e diventano parte di un unico processo creativo in bilico tra live-performance e installazione. Il paesaggio sonoro – costituito dai rumori esterni circostanti catturati nel momento dell’azione modificati e alterati mediante una elaborazione algoritmica retroattiva del segnale con un sistema dinamico e interattivo tra suono, ambiente, corpo e movimento in un processo compositivo istantaneo agito dal vivo – rende la performance ogni volta un atto unico e irripetibile.

Dal 24 al 27 giugno Made in Woman 2° laboratorio. Uno spazio protetto rivolto a tutte le donne per condividere pensieri, emozioni e immaginari. Attraverso strumenti che attingono alla danza di comunità, alla foto-arte terapia, al canto e al video partecipato, il laboratorio ha l’obiettivo di promuovere percorsi di integrazione sociale e interculturale rivolti alle donne – anche migranti e/o in condizioni di fragilità – potenziando l’esercizio dell’immaginario. Made in Woman è guidato da Rita Petrone per la sezione movimento, Antonello Turchetti per la sezione foto-arte terapia, Costanza Amici per la sezione voce e Gilles Dubroca per la creazione dei materiali video.

Il progetto è organizzato in collaborazione con LuceGrigia aps, Cidis Onlus, Arci Solidarietà Ora d’aria Perugia,Centro per le pari opportunità della Regione Umbria e con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia. La partecipazione è gratuita. Info ed iscrizioni entro lunedì 21 giugno: Tel. 338 2345901 – info@dancegallery.it.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!