Css, comitati si appellano a Papa Francesco per dire "No ai cementifici inceneritori" - Tuttoggi

Css, comitati si appellano a Papa Francesco per dire “No ai cementifici inceneritori”

Davide Baccarini

Css, comitati si appellano a Papa Francesco per dire “No ai cementifici inceneritori”

Gio, 10/09/2020 - 10:30

Condividi su:


Css, comitati si appellano a Papa Francesco per dire “No ai cementifici inceneritori”

Il grido di aiuto dei cittadini contro l’incenerimento del Css nei due cementifici del Comune di Gubbio ora si rivolge anche a Papa Francesco.

La lettera a Papa Francesco

Dopo l’appello alle massime autorità istituzionali, tra cui il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte, gli 8 comitati ‘No Css’ hanno inviato una lettera aperta al Pontefice, e per conoscenza anche al Cardinal Gualtiero Bassetti e al Vescovo Luciano Paolucci Bedini.

Questo un estratto della missiva inviata dai Comitati a Papa Francesco:

“…La città di Gubbio, tanto cara a San Francesco, attende un gesto di paterna sollecitudine da sua Santità, che del Serafico ha fatto propri nome e valori spirituali…”

Il grido d’aiuto degli 8 comitati

La conca di Gubbio, – spiegano i Comitati “No CSS nelle Cementerie”, “Per la Tutela Ambientale della Conca Eugubina”, “Gubbio Salute e Ambiente”, “Per la Tutela dei Beni Culturali e Paesaggistici”, “No Antenna”, “ISDE Italia Sezione di Perugia” e “World Wildlife Found Perugia” – come tutte le conche intermontane chiuse, presenta un gradiente termico verticale positivo, cioè il fenomeno dell’inversione termica. L’inquinamento, prodotto dalle industrie, dai riscaldamenti e dal traffico, rimane intrappolato proprio dove vive la popolazione della città e delle sue frazioni più popolose. All’interno della conca di Gubbio i cementifici (attività insalubri di primo livello) sono due, a distanza di 10 km l’uno dall’altro, con la ‘più bella città medievale’ nel mezzo.

L’appello

L’appello è che “si impedisca che l’arrivo a Gubbio di tonnellate di rifiuti, ora ‘nobilitati’ con la dicitura Combustibile Solido Secondario (CSS), arrechi un danno irreparabile alla salute degli abitanti (già provata dall’utilizzo pluriennale di Petcoke) e ad una città che ha soprattutto una spiccata vocazione turistica per le sue valenze artistiche, architettoniche e ambientali. Gubbio, autentico patrimonio dell’umanità non può diventare la capitale dell’immondizia“.

I Comitati hanno aggiunto che, dopo Semonte, Padule e Mocaiana, il prossimo incontro con le popolazioni delle frazioni sarà venerdì 11 settembre, alle ore 21, presso la Pro Loco di Torre dei Calzolari.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!