Covid-19, la Tari rinviata a settembre

Covid-19, la Tari rinviata a settembre

Redazione

Covid-19, la Tari rinviata a settembre

Corciano, ok unanime alla delibera: previste anche tre rate fino a gennaio 2021
Mar, 30/06/2020 - 14:50

Condividi su:


Covid-19, la Tari rinviata a settembre

Corciano, Tari rinviata a settembre. I corcianesi pagheranno la tassa rifiuti dopo l’estate e volendo in tre rate fino a gennaio 2021, dopo la proroga di ulteriori 3 mesi decisa dal Comune.

Scelta motivata con l’esigenza di venire incontro alle difficoltà delle famiglie e delle imprese per la crisi del Covid-19.

“Un’iniziativa presa dalla commissione che abbiamo costituito durante l’emergenza sanitaria – dice il vicesindaco Lorenzo Pierotti – composta da tutte le forze di maggioranza e di opposizione, per aiutare i cittadini e i commercianti nella difficile ripresa dopo la crisi del Coronavirus”.

La delibera portata in Consiglio comunale a firma dell’assessore al Bilancio e vicesindaco dispone il rinvio delle date di scadenza della rata unica e delle tre rate della Tari 2020.

Il Consiglio comunale all’unanimità l’ha approvata nella riunione del 29 giugno.

Tari, le nuove scadenze

Ecco le nuove scadenze della Tari 2020: si potrà pagare in soluzione unica a settembre 2020 oppure in tre rate : settembre 2020, novembre 2020 e gennaio 2021.

Covid-19, le altre misure

Una misura che si aggiunge agli altri provvedimenti presi dal Comune, come l’ordinanza e la delibera per i tavolini gratis a ristoranti, bar e caffè. La delibera dispone lo slittamento delle date di scadenza della rata unica e delle quattro rate della Tari 2020.

“L’emergenza epidemiologica – dice ancora Pierotti – ha indebolito la città nel suo complesso, con ricadute negative non solo sulle attività produttive, sociali e turistiche, ma anche sulle famiglie. Abbiamo deciso di intervenire con solerzia a sostegno di tutto il tessuto economico e sociale. Una delle possibili misure agevolative di primo sostegno ai cittadini e alle attività commerciali è rappresentata dallo spostamento dei termini di pagamento della TARI, posticipandoli rispetto a quelli ordinari. Pertanto, il contribuente potrà versare le somme dovute in un’unica soluzione entro il 30 settembre 2020 o, in alternativa, ha facoltà di effettuare il pagamento suddividendo l’ammontare complessivo in tre rate tutte ampiamente posticipate fino a gennaio 2021. Nel frattempo, la commissione politica costituita da maggioranza e minoranza non appena scattata l’emergenza sanitaria – conclude – sta lavorando per abbattere il costo della tassa cercando ogni possibile risparmio dal bilancio comunale, prossima seduta prevista per metà luglio, quando sapremo quanto ‘ristoro’ arriverà dallo stato alle casse comunali”.


Condividi su: