Azienda costretta ad abbattere 65mila pulcini, "impossibile venderli" - Tuttoggi

Azienda costretta ad abbattere 65mila pulcini, “impossibile venderli”

Redazione

Azienda costretta ad abbattere 65mila pulcini, “impossibile venderli”

La Cia racconta 3 casi esemplari di produttori agricoli mess in crisi dal fermo delle attività dopo l'emergenza Covid-19
Mer, 18/03/2020 - 16:47

Condividi su:


Azienda costretta ad abbattere 65mila pulcini, “impossibile venderli”

L’economia in quarantena. Sono tante le richieste di aiuto che arrivano dagli associati Cia – Agricoltori Italiani. Storie che danno un quadro dell’emorragia che anche l’Umbria sta affrontando con l’emergenza Coronavirus.

Costretti ad abbattere quasi 65mila pulcini

Agghiacciante è quella di una azienda, che la scorsa settimana ha dovuto abbattere 64.800 pulcini, con una perdita economica di circa 40mila euro.

Abbiamo un’azienda agraria con galline e polli per la produzione di uova da cova e un incubatoio racconta un titolareLa nostra attività consiste nella nascita di pulcini colorati del settore rurale che vendiamo e consegniamo in tutta Italia, Grecia, Albania e Romania. L’iter è questo: dopo 21 giorni negli incubatoi, nascono i pulcini. Ad un solo giorno di vita, non oltre, li vendiamo agli allevatori che, una volta cresciuti, li rivendono ai privati. Una catena che si è fermata con il decreto #iorestoacasa, perché nessuno va più a comprare il pollo ruspante dal rivenditore locale.

“Non sono riusciti nemmeno a svenderli”

Si sceglie, per praticità e per evitare spostamenti, solo il supermercato, dove i nostri polli non arrivano. Con gli ordini sospesi, abbiamo inizialmente ridotto il mangime ai riproduttori, così da avere meno uova. Prima facevamo due chiuse a settimana, ora solo una, nella speranza che almeno una piccola parte di pulcini saranno venduti. Purtroppo, però, la scorsa settimana ho dovuto prendere una decisione drastica chiamando la ditta per abbattere quasi 65.000 pulcini, accollandomi inoltre i costi di abbattimento. È difficile da sopportare, economicamente ed eticamente. Ho provato a contattare le grandi industrie italiane e venderli anche a costi molto bassi, nulla da fare”.

Domani, in azienda nasceranno 99.500 pulcini. Una piccolissima parte è stata venduta e dovrà essere consegnata (Grecia e Trieste), ma il prezzo è crollato: appena 0,26 centesimi a pulcino, rispetto a 0,40 del ‘prima pandemia’. “Sono stato anche costretto a macellare alcuni polli e galline, per lo meno non ho spese per i mangimi. Continuo a programmare una chiusa a settimana perché spero che le cose possano cambiare da un giorno all’altro. Ma così è dura. Si tenga conto conclude il titolareche siamo l’unica realtà produttiva umbra del settore e che abbiamo circa 20 dipendenti”.

Il settore vitivinicolo

Non va meglio nel settore vitivinicolo dove una piccola cantina che produce vini naturali e vende soprattutto all’estero è in grave difficoltà. “In cantina – racconta il titolare – ho 190.000 euro di vino, circa 26.000 bottiglie. Fino a 15 giorni fa avevo ordini per 120.000. Oggi siamo scesi a 30.000. La Corea aveva ordinato 3.000 bottiglie per una spesa di 20.000 euro, da un giorno all’altro tutto annullato. Da Boston è saltato un ordine da 63.000 euro, dal Giappone 30.000. Solitamente gli importatori venivano qui, assaggiano e ordinavano. Adesso non possono farlo e sto cercando di spedire dei campioni, ma si percepisce grande paura in tutto il mondo. Nessuno può muoversi”. E pensare che quest’anno doveva essere l’anno della svolta per la cantina: “Avevamo già firmato il contratto per costruire la cantina nuova. Tutto rinviato”.

Florovivaisti in bilico

Chi ha retto il colpo fino ad oggi, potrebbe crollare se il blocco delle attività dovesse continuare oltre il 3 aprile. Un esempio sono le aziende florovivaistiche. Il caos sul permesso o meno di acquistare fiori e piante al supermercato ha portato a uno stop degli ordini. Ad oggi, i produttori sono in bilico: se la situazione si sbloccherà potranno rifarsi con le vendite di Pasqua e del 25 aprile. Altrimenti rimarranno in serra centinaia di garofani, gerani e ortensie. Al momento, riferisce un’azienda umbra socia Cia, 15.000 piante di garofanino sono ferme. La primavera è un miraggio.

Una situazione causata anche dal blocco totale del canale horeca e del settore turistico. “In un momento di emergenza sanitaria come questo – conclude il Presidente Cia Umbria Matteo Bartolinimentre le aziende di altri settori sospendono le attività, in agricoltura tutto continua. La natura non si ferma, i nostri animali non si fermano, la produzione del cibo non si ferma. Noi non possiamo arrenderci, anzi, cerchiamo di sostenere adesso più che mai i nostri produttori: #noirestiamoincampo”.

Modificato il 20 marzo alle 11,12

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!