Corruzione tribunale Spoleto, sospeso per 2 mesi giudice Sdogati - Tuttoggi

Corruzione tribunale Spoleto, sospeso per 2 mesi giudice Sdogati

Sara Fratepietro

Corruzione tribunale Spoleto, sospeso per 2 mesi giudice Sdogati

Misura interdittiva temporanea per il giudice di Spoleto coinvolto nell'inchiesta sulla presunta corruzione legata alle aste immobiliari in tribunale
Mer, 08/01/2020 - 20:58

Condividi su:


Il giudice del tribunale di Spoleto Tommaso Sdogati è stato sospeso per 2 mesi dall’incarico. Lo ha deciso oggi il giudice per le indagini preliminari di Firenze Angelo Antonio Pezzuti.

La misura interdittiva è arrivata oggi dopo che il gip si era riservato la decisione al termine dell’interrogatorio di garanzia del magistrato spoletino che era avvenuto il 20 dicembre.

Corruzione tribunale Spoleto, giudice Sdogati davanti al gip “Forniti elementi decisivi su insussistenza accuse”

Contro il provvedimento del gip, comunque, il difensore del giudice, l’avvocato Guido Maria Rondoni, annuncia che presenterà ricorso al Tribunale del Riesame.

Sdogati è coinvolto nell’inchiesta della Procura di Firenze che il 16 dicembre scorso aveva portato agli arresti domiciliari la sua compagna, l’avvocatessa Nicoletta Pompei, ed il compagno di studio di questa, l’avvocato Mauro Bertoldi. L’accusa per tutti è di corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio.

Secondo le accuse, il magistrato spoletino, su pressioni della fidanzata, avrebbe spinto per far iscrivere l’avvocato Bertoldi tra le liste dei delegati per le vendite giudiziarie. Ma avrebbe anche sollecitato un altro giudice (estraneo alle accuse) affinché a questi fosse assegnata un’asta. Tra gli avvocati Bertoldi e Pompei sarebbe esistito un accordo per la spartizione del denaro provento dalle esecuzioni immobiliari poi assegnate.

Diverse le intercettazioni che inguaiano il giudice di Spoleto, anche se il fulcro dell’inchiesta riguarda i due avvocati, accusati anche di aver fatto pagare ad una coppia di Gubbio 11.500 euro per pilotare l’asta della loro casa pignorata, senza il realtà avere comunque il poter per farlo. Per questa accusa Pompei e Bertoldi devono rispondere anche del reato di traffico di influenze illecite.

I due legali al momento rimangono agli arresti domiciliari. Per Bertoldi si è discusso martedì il ricorso davanti al tribunale delle Libertà, con i giudici che dovranno pronunciarsi nei prossimi giorni, mentre al Riesame ricorrerà anche il difensore della Pompei.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!