Condannato stalking viola i domiciliari, la polizia lo porta in carcere

Condannato stalking viola i domiciliari, la polizia lo porta in carcere

Redazione

Condannato stalking viola i domiciliari, la polizia lo porta in carcere

Mer, 29/06/2022 - 13:20

Condividi su:


L'uomo era lontano da casa

Condannato per stalking e minacce, viola i domiciliari e finisce in carcere. Prosegue la stretta, da parte degli uomini della Polizia del Commissariato di Foligno, in merito alle persone ristrette ai domiciliari o alla misura dell’affidamento alla detenzione domiciliare. Sono in corso, dunque, controlli che vengono effettuati al fine specifico di verificare se quei soggetti per i quali viene sperimentato un regime più benevolo della detenzione carceraria mantengano una condotta rispettosa delle prescrizioni impostegli.

I controlli a chi è ai domiciliari

Nelle ultime settimane, gli agenti del Commissariato di Foligno hanno passato in rassegna numerose posizioni, rilevando, in un caso specifico, evidenti criticità.

Un 55enne trovato lontano dal proprio domicilio

Durante i controlli, gli operatori hanno sorpreso un 55enne, mentre violava le prescrizioni che gli imponevano di non uscire arbitrariamente dalla propria abitazione. L’uomo era stato già condannato in via definitiva per i reati di stalking e minacce. Di recente era stato applicato il beneficio della misura della detenzione domiciliare.

Uomo non in grado di fornire spiegazione

È stato notato dai poliziotti in un luogo poco distante dalla città di Foligno, dove era domiciliato. Sentito in merito dagli operatori, il 55enne non è stato in grado di fornire una giustificazione plausibile alla propria condotta. Per questo motivo è scattata l’immediata segnalazione al Magistrato di Sorveglianza ai fini della valutazione del suo comportamento. Ne è scaturito un giudizio di incompatibilità tra la condotta sopra descritta e la prosecuzione della misura alternativa della detenzione domiciliare, con conseguente ripristino della pena carceraria. Pertanto, i poliziotti hanno provveduto a rintracciare l’uomo e ad associarlo al carcere di Capanne, dove dovrà scontare i residui mesi che lo separano dal fine pena.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!