Comune Trevi chiede sostegno al Terzo Settore per emergenza Covid - Tuttoggi

Comune Trevi chiede sostegno al Terzo Settore per emergenza Covid

Redazione

Comune Trevi chiede sostegno al Terzo Settore per emergenza Covid

Gio, 04/03/2021 - 07:45

Condividi su:


Comune Trevi chiede sostegno al Terzo Settore per emergenza Covid

L'assessore delegata, Stefania Moccoli, chiede un intervento della Regione per salvaguardare i soggetti senza scopo di lucro

Un intervento straordinario a sostegno del Terzo Settore per far fronte all’emergenza Covid-19: a chiederlo alla Regione Umbria e coinvolgendo altri assessori alle politiche sociali della Zona Sociale 8 è Stefania Moccoli.

L’assessora alle politiche sociali del Comune di Trevi “invita la Regione a valutare l’opportunità di un intervento straordinario a sostegno del Terzo settore, tramite la concessione di contributi ad associazioni e organizzazioni senza scopo di lucro, con l’obiettivo di erogare un sostegno economico a copertura dei costi fissi e incomprimibili nonostante il lungo periodo di inattività, e delle spese straordinarie sostenute dalle associazioni che hanno potuto continuare l’attività ma che per farlo hanno affrontato spese per mettere in sicurezza locali e ambienti”.

Tale richiesta trova motivazione nella “grave situazione di incertezza e difficoltà, causata dall’emergenza da Covid-19 che ha coinvolto pesantemente anche il mondo del volontariato e dell’associazionismo, che ha svolto e sta svolgendo tuttora un insostituibile ruolo di supporto a favore della comunità.

Questi soggetti, anche durante i periodi di lockdown – si legge nel documento -, hanno dovuto comunque sostenere dei costi fissi come canoni di locazione immobili, utenze, ecc.; inoltre hanno visto ridursi sensibilmente le proprie entrate (quote associative, contributi volontari, introiti da eventi/manifestazioni, ecc.). Motivo per cui è concreto il pericolo che molte di queste associazioni siano costrette a cessare definitivamente le proprie attività, con conseguente importante riverbero negativo sulla tenuta sociale delle comunità”.

Per Moccoli i beneficiari delle risorse potrebbero essere i soggetti senza scopo di lucro, quali ad esempio: organizzazioni di volontariato O.D.V. (iscritte nel Registro Regionale delle organizzazioni di volontariato); associazioni di promozione sociale A.P.S. (iscritte nel Registro Regionale delle associazioni di promozione sociale); altre associazioni senza scopo di lucro, e comunque tutte quelle realtà che non hanno beneficiato ad alcun titolo dei ristori del Governo.

Tra i costi e le spese ammissibili potrebbero, a titolo di esempio, essere ricomprese le spese di gestione di immobili (canoni di locazione, utenze, pulizia, ecc.); spese per igienizzazione e sanificazione degli ambienti nei quali viene esercitata l’attività (disinfettanti, detergenti, ecc. e/o interventi effettuati da ditte); acquisto di dispositivi di protezione individuale per garantire la sicurezza dei soci e dei beneficiari delle attività; acquisto di strumenti/dispositivi idonei a garantire il distanziamento (divisori, pannelli, ecc.); acquisto di strumenti/dispositivi di rilevazione della temperatura corporea; acquisto di beni/attrezzature/servizi per lo svolgimento di attività a distanza (PC, tablet, connessioni dati, ecc.); rimborsi spese ai volontari.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!