Città di Castello, "terra di campo" nell'acqua del rubinetto: la protesta di FareAmbiente - Tuttoggi

Città di Castello, “terra di campo” nell'acqua del rubinetto: la protesta di FareAmbiente

Redazione

Città di Castello, “terra di campo” nell'acqua del rubinetto: la protesta di FareAmbiente

Mer, 02/01/2013 - 11:14

Condividi su:


“Terra di campo” nell'acqua del rubinetto: a denunciarlo è il portavoce di FareAmbiente, Roberto De Vivo, in una lettera indirizzata a Tuttoggi.info. Dalla sua nota, che riportiamo integralmente di seguito, si evince un disagio diffuso tra tutta la popolazione dell'Altotevere, nonostante il corrisposto pagamento delle bollette. A Città di Castello la questione dell'acqua non è nuova: basta ricordare la vicenda dei pozzi di Riosecco e Rignano, in parte risolta attraverso l'ordinanza emanata dal sindaco. Ora spunta questo nuovo problema, e FareAmbiente auspica la migliore delle soluzioni.

“Non è un’opera d’arte; ma un’opera che di arte ne ha ben poca. Come potete notare sulla foto a sinistra, vi è una bottiglia d’acqua naturale minerale limpida, mentre sulla destra vi è un’altra bottiglia, sempre di acqua, questa volta più naturale di quella a sinistra, perché viene direttamente dai tubi dell’acqua, dell’acquedotto tuderte, ma poco limpida. Dire che da casa mia, ieri pomeriggio, sabato 29 dicembre 2012, e come me in molte altre case della zona, usciva, dal mio lavandino, direttamente terra di campo, è un eufemismo. Non è la prima volta che capita una cosa del genere. Già in diversi periodi dell’anno, e per diversi anni, è successo molte, anzi troppe, volte. Ora, nel momento in cui mia madre fece caso a ciò che usciva dal rubinetto di casa, chiamò immediatamente l’Umbra acque, che, molto educatamente, e anche con una certa tranquillità, le rispose di far uscire tutta l’acqua sporca. Ora, non è nel mio carattere criticare, ma l’acqua, quando Umbra Acque spedisce il bollettino di pagamento per posta, è pagata, anche a caro prezzo, rispetto al servizio che viene garantito. Come FareAmbiente, e portavoce delle tante persone che si sono lamentate del disservizio di Umbra Acque, denuncio questa inadempienza e auspico che l’assessore competente si dia da fare su questo, predisponendo un’ordinanza a umbra acque per cominciare a mettere in sicurezza i molti tubi dell’acqua ancora non interrati”.

Riproduzione riservata

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!