Ceri, messa in Basilica senza la 'discesa'. "Sarà omaggio silenzioso ma tanto devoto" - Tuttoggi

Ceri, messa in Basilica senza la ‘discesa’. “Sarà omaggio silenzioso ma tanto devoto”

Davide Baccarini

Ceri, messa in Basilica senza la ‘discesa’. “Sarà omaggio silenzioso ma tanto devoto”

Dom, 02/05/2021 - 12:45

Condividi su:


Ceri, messa in Basilica senza la ‘discesa’. “Sarà omaggio silenzioso ma tanto devoto”

Nella prima domenica di maggio i tre simboli di Gubbio avrebbero dovuto tornare in città, don Mirko Orsini "I ceri fermi qui rappresentano il popolo che si affida a Sant'Ubaldo contro la pandemia"

Prima domenica di maggio ancora una volta senza la “discesa” dei Ceri. Per il secondo anno consecutivo il Covid-19 ha interrotto la secolare tradizione (sarebbero stati collocati nella sala dell’Arengo di Palazzo dei Consoli fino al 15 maggio) così come ha inevitabilmente costretto all’annullamento della Festa anche per il 2021.

Il rito della messa nella Basilica di Sant’Ubaldo è stato comunque celebrato e, rispetto allo scorso anno, anche aperto ai fedeli, sempre nel rispetto della capienza della chiesa e delle indicazioni anti contagio.

Il cappellano della Festa dei Ceri don Mirko Orsini, nella sua omelia, ha detto che “pur nella speranza che tutto torni come prima, niente sarà più come prima, perché tutti siamo invecchiati di un anno, cambiati e molte persone colpite dal Covid ancora oggi soffrono. Molti inoltre non sono più con noi…

Dobbiamo tagliare ciò che appesantisce e imbruttisce la nostra vita: il superfluo va tolto perché si sprigioni in noi l’essenziale e darci nuova vitalità. La salvezza più che un’aggiunta è sempre stata una sottrazione: amare la vita è correggerla, ‘potarla’ e tenerla in forma. E in questo caso si deve rinunciare anche alle feste…

I ceri che rimarranno fermi qui in basilica – toccati malinconicamente dai fedeli a fine liturgia – rappresentano ancora tutto il popolo che ti chiede come pastore di guidarlo, assisterlo e proteggerlo dalla pandemia e altri virus come arroganza, superficialità e ignoranza, che sono esattamente come il Covid-19. E solo rivolgendoci a te possiamo trovarne il vaccino, tutti insieme come popolo possiamo farcela. Il nostro omaggio anche quest’anno sarà silenzioso ma tanto devoto…”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!