Celebrata a Spoleto la Domenica delle Palme | L’omelia di Mons. Boccardo

Celebrata a Spoleto la Domenica delle Palme | L’omelia di Mons. Boccardo

Sabato 13 aprile, vigilia delle Palme, presso il Chiostro di S. Nicolò, si è tenuta la Giornata diocesana dei giovani

share

Domenica 14 aprile la Chiesa ha celebrato la Domenica delle Palme, dove si ricorda Gesù entrare deliberatamente e coraggiosamente nella città che sta tramando contro di lui, Gerusalemme. È l’avvio della Settimana Santa, tempo nel quale si rievocano gli ultimi giorni della vita terrena di Cristo e vengono celebrate la sua Passione, Morte e Risurrezione.

L’arcivescovo di Spoleto-Norcia e presidente della Conferenza episcopale umbra mons. Renato Boccardo ha presieduto questa celebrazione nella Basilica Cattedrale di Spoleto: in Piazza Duomo ha benedetto i rami di olivo che i numerosi fedeli presenti hanno portato nelle loro case a ricordo della grande lezione di un Dio che si è fatto uomo fino alla morte.

La liturgia è stata animata nel canto dalla Cappella Musicale del Duomo, diretta dal maestro Francesco Corrias. Il servizio liturgico è stato curato dai seminaristi della Diocesi.

Nell’omelia mons. Boccardo ha ricordato che «Gesù ci indica la via della croce come quella che dobbiamo percorrere per seguirlo in verità. La via della fede è la via della croce, cioè l’affidarsi a lui, al suo disegno salvifico; è credere in lui crocifisso, segno dell’amore illimitato di Dio per l’uomo; è seguire lui, sceglierlo come modello e guida, senza spaventarsi della croce. Non è una via che rinneghi la ragione, né la felicità come oggetto necessario dell’agire umano, né la spontaneità come caratteristica dell’agire. La via della fede o della conversione o della croce è la via della vita, la vita di Dio con noi, per noi, come noi. È la via della vittoria di Dio, così come essa si snoda attraverso i sentieri di un’umanità frammentata e divisa, di una cultura decadente, di una società corrotta e corruttrice. Oggi assistiamo al crollo dei miti di salvezza e al moltiplicarsi di visioni riduttive o egemoniche dell’uomo e della società, dove sembra prevalere l’individualismo e la paura nei confronti dell’altro diverso da sé. E cresce il pericolo di rinunciare alla verità profonda dell’uomo, di divenire vittime di un pragmatismo che lo riduce a pura funzione. Circolano tante proposte di salvezza, tanti progetti che rispondono ai desideri umani e che tuttavia lasciano insoddisfatti. Ma l’uomo rimane bisognoso di salvezza e cosciente del limite della morte; perciò mira a una salvezza totale, non solo parziale. Gesù, con la croce, ci mostra l’unica via che non delude, capace di riportare anche su questa terra squarci di giustizia e di umanità. Perché la via della croce, se assunta con responsabilità e coscienza, conduce ad incrociare e sostenere tutti i messaggi di vita che risuonano nella storia, ma che non riescono a fondersi e a sciogliere i nodi dell’ingiustizia che opprime l’umanità; permette di riconoscere e apprezzare quanto lo Spirito fa crescere nel mondo di vitale e di giusto, anche nei suoi più minuti frammenti, per dargli spazio e coerenza».

Sabato 13 aprile, vigilia delle Palme, a Spoleto presso il Chiostro di S. Nicolò, si è tenuta la Giornata diocesana dei giovani. Diversi adolescenti e ragazzi hanno svolto varie attività su questa frase di papa Francesco: “Solo quel ami può essere salvato”. L’Arcivescovo ha esortato i giovani ad osservare quanto accade «intorno a noi non solo con gli occhi, ma anche con il cuore. È così – ha detto – che si generano forme di comportamento significative ed incisive. Purtroppo oggi tanti fatti ci scivolano addosso perché li osserviamo solo con gli occhi». Pier Luigi Morlino, diacono che verrà ordinato presbitero il prossimo 27 aprile nella Cattedrale di Spoleto, ha testimoniato come nella vita, per ogni scelta, sia fondamentale la forza di Gesù.

La Domenica delle Palme ha avviato la Settimana Santa. Di seguito le celebrazioni presiedute dall’arcivescovo Boccardo:

Martedì Santo, 16 aprile
Alle 15.30, Spoleto, Basilica Cattedrale: Celebrazione eucaristica e Unzione degli infermi.

Mercoledì Santo, 17 aprile
Alle 18.00, Spoleto, Basilica di S. Eufemia-Basilica Cattedrale: Messa Crismale

Giovedì Santo, 18 aprile
Alle 16.00, Spoleto, Casa di Reclusione: Messa in Coena Domini

Alle 18.00, Spoleto, Basilica Cattedrale: Messa in Coena Domini

Alle 21.00, Spoleto, Basilica Cattedrale: adorazione eucaristica con le Parrocchie della Pievania di Santa Maria

Venerdì Santo, 19 aprile
Alle 18.00, Spoleto, Basilica Cattedrale: Celebrazione della Passione del Signore

Alle 21.00, Spoleto: Via crucis cittadina (Piazza del Mercato, Via del Municipio, Giro della Rocca, Cattedrale)

Sabato Santo, 20 aprile
Alle 22.30, Spoleto, Basilica Cattedrale: Veglia pasquale

Domenica di Pasqua, 21 aprile
Alle 9.00, Spoleto, Hospice “La torre sul colle”: Celebrazione eucaristica

Alle 11.30, Spoleto, Basilica Cattedrale: Messa Solenne Pontificale

Alle 18.00, Norcia, Centro di Comunità Madonna delle Grazie: Celebrazione eucaristica

share

Commenti

Stampa