Case popolari, è polemica anche a Gubbio | Gagliardi "Ristabilire equità tra famiglie italiane e straniere" - Tuttoggi

Case popolari, è polemica anche a Gubbio | Gagliardi “Ristabilire equità tra famiglie italiane e straniere”

Davide Baccarini

Case popolari, è polemica anche a Gubbio | Gagliardi “Ristabilire equità tra famiglie italiane e straniere”

La graduatoria del 30 giugno conta il 46% di cittadini stranieri, il consigliere eugubino punta il dito contro i criteri di assegnazione e sui pochi alloggi disponibili
Gio, 02/07/2015 - 11:29

Condividi su:


Dopo la gigantesca polemica nata a Città di Castello, le graduatorie per l’accesso alle case popolari fanno discutere anche a Gubbio. All’indomani della pubblicazione dell’elenco degli aventi diritto nella città dei Ceri, il 30 giugno, è infatti risultato che su 177 aventi diritto, il 46% sono cittadini stranieri, percentuale che sale al 60% se si scorrono i primi venti posti.

A sottolineare la portata di questi dati è stato il consigliere comunale Francesco Gagliardi (Centrodestra eugubino) che aggiunge: “Considerando che la tendenza degli ultimi anni è la ‘fuga’ dei cittadini stranieri dalla città, a causa del calo dell’occupazione, il fatto è ancora più rilevante: un ripensamento dei criteri di formazione delle graduatorie è urgente per ristabilire il principio di equità tra famiglie italiane e famiglie straniere“.

“Ma la vera notizia – continua Gagliardi – è che nessuna delle persone ‘ospitate’ nella graduatoria potrà beneficiare subito di una casa popolare. I 283 alloggi sono, almeno sulla carta, tutti legittimamente occupati. Per essere precisi, 15 di essi sono liberi ma non disponibili. L’Ater deve ristrutturarli e i primi 9 dovrebbero esserlo entro la prossima primavera. A marzo l’amministrazione ha iniziato la verifica delle unità abitative, sia sotto il profilo delle condizioni manutentive, sia sotto il profilo del reale utilizzo da parte degli assegnatari”.

“Ad oggi, – aggiunge il consigliere – la polizia municipale ha eseguito controlli su appena 21 abitazioni. Tali verifiche, ora sospese, verranno riprese a settembre. Ritengo che tale verifica doveva essere conclusa almeno in coincidenza con la pubblicazione della graduatoria. Perché a 177 persone l’Amministrazione da oggi deve dire che dovranno tutti aspettare. La certezza che nei 283 alloggi popolari non ‘alberghino’ abusivi avrebbe reso più dolce questa amara pillola”. 

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!