Caos province, per Maura Coltorti (Prc) l'ultima parola sui riequilibri territoriali spetterebbe ai cittadini - Tuttoggi

Caos province, per Maura Coltorti (Prc) l'ultima parola sui riequilibri territoriali spetterebbe ai cittadini

Redazione

Caos province, per Maura Coltorti (Prc) l'ultima parola sui riequilibri territoriali spetterebbe ai cittadini

Mar, 23/08/2011 - 15:50

Condividi su:


di Maura Coltorti (*)

Abbiamo appreso dalla stampa la notizia della costituzione di un comitato che vorrebbe Spoleto tra le città idonee ad un riequilibrio territoriale per scongiurare la soppressione della Provincia di Terni. Rifondazione Comunista di Spoleto ritiene inaccettabile che qualcuno pensi di decidere per Spoleto senza minimamente interessarsi di cosa ne pensino i cittadini. Siamo infatti fermamente convinti che nell’eventualità che il passaggio di Spoleto sotto Terni diventasse una ipotesi concreta, solo gli spoletini dovrebbero avere l’ultima parola in merito.
Stupisce certamente che di una manovra del governo iniqua, varata dopo due anni di inettitudine totale, passati a negare una crisi che di fatto ha pesato esclusivamente sulle spalle di chi questa crisi non l’ha provocata ma al contrario l’ha subita, manovra fortemente lesiva dei diritti e delle condizioni di vita delle fasce più deboli della società, attenta soltanto a salvaguardare i grandi patrimoni e le rendite di questo Paese. Ci sconcerta che si cerchi di concentrare l’attenzione ed il dibattito solo sulla soppressione delle province, che dovrebbero essere cancellate in base a criteri assolutamente deliranti, tutelando quei territori che stanno molto a cuore alla maggioranza.
Riteniamo che tutto ciò sia pura demagogia, poiché mentre ci si accalora sull’ abolizione delle Province e dei piccoli Comuni (che sono il tessuto di questo Paese, e i luoghi istituzionali più vicini ai cittadini) ci si dimentica che in questo Paese l’evasione fiscale ha raggiunto livelli insopportabili, che i possessori di grandi patrimoni non vengono tassati, che a pagare sono e saranno solo i lavoratori, che nella manovra c’è di fatto l’abrogazione dell’articolo 18.
Auspichiamo che tutte le forze politiche e sociali, anche delle nostra Regione, si uniscano in una battaglia per rimandare al mittente la manovra ed impedire al governo di mandare in miseria il Paese. Rifondazione comunista di Spoleto ha iniziato una raccolta firme su una proposta di manovra alternativa per introdurre la patrimoniale. Si può firmare la petizione su http://www.petizionionline.it/petizione/indignati-a-favore-della-patrimoniale/4821.

(*) Segretaria Circolo Prc Spoleto

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!