Cantieri bloccati e investimenti fermi, l'Alta Umbria in sofferenza | Soldi bloccati dalla burocrazia - Tuttoggi

Cantieri bloccati e investimenti fermi, l’Alta Umbria in sofferenza | Soldi bloccati dalla burocrazia

Redazione

Cantieri bloccati e investimenti fermi, l’Alta Umbria in sofferenza | Soldi bloccati dalla burocrazia

I sindacati: "Passare dalle parole ai fatti", quasi 80 milioni di euro per la Pian d'Assino | Fermo anche il progetto delle Case della Salute
Ven, 17/01/2020 - 13:21

Condividi su:


Un grido di dolore e di allarme per l’Alta Umbria, Alto Chiascio e Alto Tevere. A lanciarlo i sindacati, riuniti a Gubbio per riaccendere l’attenzione sul tema infrastrutturale.

“Passiamo dalle parole ai fatti”, è l’appello unanime rivolto alla nuova giunta regionale. “Ci sono difficoltà in tutto il territorio umbro – ha detto Maurizio Maurizi, segretario generale Fp Cgil Umbria e responsabile Cgil Alta Umbria – e il dato più importante di questo territorio è legato al fatto che il 47 per cento del reddito familiare deriva da pensioni: questo significa che c’è forte contrazione del reddito da lavoro e parte consistente della popolazione attiva non ha detto reddito”.

Da qui la richiesta degli investimenti infrastrutturali, in primo luogo sulla Pian d’Assino: “Per la quale esistono già i finanziamenti, i cantieri vanno sbloccati.

Soldi fermi

“Sono 70 i milioni fermi per la Pian d’Assino – ha detto Antonello Paccavia responsabile Cisl Alta Umbria – e darebbero una grande boccata d’ossigeno al territorio, in un momento in cui ci apprestiamo ad avviare le trattative con i bilanci comunali di Gualdo Tadino e Gubbio. L’area, con il completamento della Pian d’Assino e quindi l’aggancio alla E45, diventerebbe più competitiva”.

Dalla Cisl anche la luce sulle Case della Salute: “Ci sono le risorse da investire, invitiamo la Regione a fare presto, per riuscire a realizzare maggiori risparmi”.

Ostaggi della burocrazia

“Stiamo morendo di burocrazia – ha detto Federico Biagioli, responsabile Uil Alta Umbria – Deve finire la politica dello spot. Chiediamo che sulla SS219 possano iniziare i lavori: chiediamo anche un investimento per questo. Le infrastrutture sono il volano per un territorio che è sprovvisto di importante arterie”.

Ma il tema delle infrastrutture è centrale su tutta l’Alta Umbria: “Dobbiamo mettere al centro delle priorità anche la E78, la prosecuzione della messa in sicurezza della E45, la piastra logistica di Città di Castello con l’erba altissima”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!