CAI Orvieto, riparte in sicurezza l'attività in montagna - Tuttoggi

CAI Orvieto, riparte in sicurezza l’attività in montagna

Redazione

CAI Orvieto, riparte in sicurezza l’attività in montagna

Mar, 01/06/2021 - 09:00

Condividi su:


Il presidente del Cai Orvieto "Registriamo tanta voglia di uscire e riprendere l'attività di scoperta in sicurezza della montagna e del nostro territorio"

Premiato lo sforzo collettivo di volontariato sociale del Club Alpino Italiano, che dal 2020 ha costituito una vera e propria Sezione nella città di Orvieto. Tour operator nazionali ed internazionali o associazioni sportive locali come A.s.d Italia Adventure Trekking iniziano ad inserire in programma itinerari come ad esempio l’Anello della Rocca/”Il Paese delle Rose”, utilizzando i tracciati sentieristici riscoperti, progettati e segnalati dai Soci del Cai.

Il Cai Orvieto

“‘Registriamo tanta voglia di uscire e di riprendere l’attività di scoperta in sicurezza della montagna e del nostro territorio, – dice il Presidente del Cai orvietano, Alessandro Barone – e in queste due ultime settimane abbiamo potuto riavviare parte delle attività sociali che ci vedono impegnati dall’escursionismo all’alpinismo, dalla speleologia all’attività con le scuole, dall’ambiente alla sentieristica”.

Sentieri, alpinismo, speleologia e attività per le scuole

E proprio a quest’ultima attività che va oggi riservata l’attenzione: “forse è la prima volta – spiega il responsabile del Gruppo Sentieri Cai Orvieto, Pier Giorgio Oliveti – che troviamo in un’offerta turistica organizzata alcuni dei dieci itinerari che in questi ultimi due anni il Cai nonostante le difficoltà dovute alla pandemia ha riaperto e segnalato per tutti. Vedere sui social che si propone un pacchetto sul Sentiero Cai Sferracavallo-Rocca e Rocca-ponte Fosso Albergo della Nona-Officine Netti-Sugano, oppure su quello delle Velette che porta a Porano, ci riempie di soddisfazione e ci stimola a continuare nella nostra opera. Lo diciamo da sempre: il Cai mette a disposizione le proprie competenze ed esperienze di livello nazionale (il Cai Centrale è un ente pubblico che per legge ha tra le missioni di istituto la cura e l’organizzazione della sentieristica nel nostro paese, ndr) per la salvaguardia dei percorsi escursionistici su sentieri e strade vicinali. Essi fanno parte delle così dette “infrastrutture green, di cui tanto si parla oggi in tempi di post lockdown. Segnare i sentieri è un modo per valorizzare e preservare i beni comuni, diversificare e ampliare l’offerta di turismo esperenziale”.

Camminare fa bene

Camminare fa bene – ormai lo affermano scienziati e medici –  e favorisce l’equilibrio psicofisico ad ogni età.  “Se l’Umbria è un “mare verde” – aggiunge Oliveti –  le nostre spiagge libere sono i sentieri: non facciamocele alienare per sempre, per incuria o per disattenzione istituzionale. Per questo motivo come Cai siamo particolarmente grati per l’attenzione che ci è stata rivolta in materia di sentieristica da parte di molte amministrazioni comunali dell’Orvietano e dell’Amerino che hanno già firmato o stanno per farlo specifiche convenzioni quadro con il Cai Orvieto e Regionale per coordinare la sentieristica e la segnaletica, in armonia con quanto previsto dalla Regione dell’Umbria”.

Rete organizzata di sentieri

Solo una rete organizzata e gestita di sentieri comunali, intercomunali, di valenza interregionale o di lungo percorso(Francigena, Via Romea Germanica, Via  Amerina, Sentiero dei Briganti, Via di Francesco, Sentiero Italia, eccetera) può essere utilizzata a buon fine dai professionisti del turismo all’aria aperta, tour operator, agenzie di viaggi, guide ambientali, eccetera.

I sentieri numerati

Tra i sentieri adottati e numerati nel Catasto regionale dal Cai ricordiamo tra gli altri i sentieri 815:Orvieto-Porano-Torre San Severo, 821: Orvieto-La Surripa-I Cappuccini- -Castel Rubello-Porano-bivio 815, 816:Orvieto-Rocca Ripesena-Officine Netti-Sugano-Canonica-bivio 812,  817:Allerona Scalo FS – La Salceta – Bardano Vecchio – Romealla – Rocca Ripesena. In corso di perfezionamento l’818 Rocca Ripesena-San Quirico- Castelgiorgio, e l’819:Castel Giorgio – Castel Viscardo – Macchia dell’Inferno – Poggio Forno- Bardano Vecchio – Orvieto, 822: Orvieto Scalo FS-passerella Paglia-Scuole Primarie Ciconia-(in coincidenza con 812)-Val Chiani-Il Poggente(bivio 822A – valletta F.sso Carcaione-Ciconia) – podere La Fabbrica-fosso del Galletto-Pallarete-Morrano-bivio 812.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!