Buon compleanno Galileo! / Città di Castello celebra il 450° anniversario della nascita dello scienziato - Tuttoggi

Buon compleanno Galileo! / Città di Castello celebra il 450° anniversario della nascita dello scienziato

Redazione

Buon compleanno Galileo! / Città di Castello celebra il 450° anniversario della nascita dello scienziato

Mar, 25/02/2014 - 18:12

Condividi su:


Galileo Galilei nacque a Pisa il 16 febbraio 1564 e Città di Castello, tra sabato 1 e lunedì 3 marzo, festeggerà il 450° anniversario della nascita di questo padre della scienza moderna. A ricordare lo scienziato toscano sarà soprattutto un lunghissimo pendolo, che oscilla da stamattina (martedì 25 febbraio) sotto la cupola della Cattedrale di Città di Castello. L’iniziativa è nata dalla collaborazione tra il polo tecnico “Franchetti-Salviani”, il Centro studi Villa Montesca, l’Amministrazione comunale, la diocesi, il Dipartimento dei Vigili del fuoco, il Dipartimento di Fisica e Geologia dell’Università di Perugia e l’associazione di Letture Ad Alta Voce (Laav).
“Eppur si muove: dai problemi della scienza alla scienza dei problemi” è il tema del percorso storico didattico culturale che, secondo il vicesindaco Michele Bettarelli, “ha riunito tanti soggetti e tanti aspetti, di scienza, cultura e praticità, per ricordare un gigante della storia umana”. “Sono molti gli aspetti positivi che la ricorrenza offre ai tifernati” ha continuato Bettarelli “grazie al polo tecnico, al Centro studi e agli altri soggetti che hanno collaborato per portare nella nostra Cattedrale un fondamentale della cultura scientifica moderna e una svolta del pensiero occidentale come viene considerato l'esperimento del pendolo. Galileo, nell'allestimento di Marco Paolini, è stato anche un recente protagonista della stagione di prosa degli Illuminati: rappresenta una figura-faro i cui valori hanno superato la prova del tempo. L'effetto scenico è una parte della manifestazione non secondaria perché spesso il sapere nasce dalla meraviglia“.
Valeria Vaccari, dirigente del polo tecnico, ha quindi introdotto e spiegato i motivi dell’iniziativa nella conferenza di stamattina in Duomo: “La filosofia del nostro polo è fare scuola partendo dalle cose concrete affrontate con approccio scientifico e non potevamo lasciarci sfuggire i 450 anni della nascita di Galileo Galilei. Abbiamo pensato ad un programma che coinvolgesse tutte le scuole e tutta la città, riproducendo il pendolo al centro della cupola del Duomo, un modo per riconoscere il valore del genio di Galileo perché la scienza è alla portata di tutti e spesso i suoi successi sono stati suggeriti dall’ordine naturale“. Il titolo dell’esperimento, a cura del Dipartimento tecnico e scientifico della scuola promotrice, coordinato da Roberto Marcucci, è “Dall’isocronismo del pendolo (Galileo, Pisa 1583) al moto di rotazione terrestre (Foucault, Parigi 1851)” e prelude alla conferenza stampa che nel pomeriggio di sabato 1° marzo (ore 16), al cospetto del pendolo, terrà Maurizio Busso, docente del Dipartimento di Fisica e Geologia dell’Università di Perugia su “Galileo Galilei: alle radici della cultura scientifica”. A seguire i volontari della Laav (Letture Ad Alta Voce) leggeranno brani delle opere dello scienziato. Le celebrazioni si concluderanno lunedì 3 marzo nell’aula magna del polo tecnico con il laboratorio di ricerca-azione per docenti “Visual learning e PBL: un contributo alla didattica interdisciplinare”, a cura di Fabrizio Boldrini, direttore del Centro Studi Villa Montesca, Giovanni Cangi, Luigi Mirri, Urbano Pierucci e Danila Tellina. “Può sembrare una cosa bizzarra ma in realtà il pendolo ci aiuta a modificare ed attualizzare l'approccio degli operatori, modellandolo sull’esperienza dei ragazzi e stimolando il loro senso critico” ha detto Fabrizio Boldrini, che è anche coordinatore del progetto comunitario “Yourvid YESdigital”, nell’ambito del quale si sviluppa l’esperimento. “Anche nel metodo montessoriano – ha aggiunto Boldrini – le scienze sono una questione empirica, che non può prescindere dalla realtà. Il dato italiano sul livello di conoscenza scientifica dei ragazzi non è rassicurante: il programma per i 450 anni della nascita di Galileo è per il Centro anche un'occasione di proporre una didattica innovativa da spendere su una dimensione europea. Da sabato il nostro sito, http://www.montesca.it/index.asp, ospiterà un tributo alla vita di questo grande italiano”.
Marco Conti, docente del polo tecnico e responsabile delle Relazioni esterne del Centro, è entrato poi nei dettagli: “Galileo mostra che il pendolo, da qualsiasi posizione inizi a oscillare, impiega lo stesso tempo a compiere il periodo. Aveva già intuito che la terra ruotava ma non riuscì a dimostrarlo; raccolse il suo testimone Focault e oggi noi rinnoviamo quell'esperienza entusiasmante, dimostrando che il pendolo si muove lungo una diagonale mobile dal momento che la terra gira. Questo pendolo è denso di concetti e di teoria, derivando da un sistema di pensiero che tocca molte branche del sapere umano: dalla filosofia alla religione, dalla meccanica alla fisica”. Il pendolo riprodotto si estende verso il basso per 30 metri, la sua sfera pesa 8 chili e compie un periodo di circa 11 secondi mentre quello di Focoul, fatto oscillare dalla cupola del Pantheon di Parigi nel 1851, era lungo 67 metri e l’estremità pesava 28 kg.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!