Bullismo, la paura di andare a scuola | Le vittime raccontano

Bullismo, la paura di andare a scuola | Racconti delle vittime del “ragazzino terribile” di Gualdo Tadino

Sara Minciaroni

Bullismo, la paura di andare a scuola | Racconti delle vittime del “ragazzino terribile” di Gualdo Tadino

Un quindicenne è finito ai "domiciliari" per gli atti persecutori nei confronti dei compagni di scuola
Lun, 16/01/2017 - 19:16

Condividi su:


Sono soltanto bambini. Eppure nello scorrere i loro racconti, nella richiesta di misure cautelari a carico di due quindicenni di Gualdo Tadino si legge di insulti, minacce ed episodi di violenza tremendi.

C’è anche un coltello in quei racconti, mostrato in aula ai compagni attoniti e terrorizzati.

SONO “SOLTANTO BAMBINI”

E tutto accade a scuola. Uno di loro è finito ai “domiciliari”, poi si è difeso davanti al giudice che ha comunque confermato il provvedimento restrittivo. Resterà in casa, come vuole il codice penale dei minori mentre i carabinieri continueranno le indagini. Una storia che chiamare di bullismo sembra riduttivo.

“Dall’inizio dell’anno dell’anno (omissis) – il racconto di una minore – hanno avuto un atteggiamento pressante nei miei confronti, mi insultano davanti a tutta la classe… durante la ricreazione (omissis) si avvicina e mi colpisce con schiaffi dietro alla testa e con calci sulle gambe. In molteplici occasioni i professori lo riprendono ma questi esce senza permesso, oppure inizia a urlargli contro”.

E ancora, “Buzzicona, grassona”, viene apostrofata una compagna.

LA PAURA DI ANDARE A SCUOLA

Ma più grave è l’episodio del coltello “(omissis) ha mostrato un coltello a scatto con manico plastificato che nascondeva all’interno del suo zaino…. come ho già detto spesso i professori li riprendono ma questi non li ascoltano e continuano a fare quello che vogliono”. Minacce come ti taglio la testa e la ragazzina che ha riferito di piangere prima di entrare a scuola “per paura”.

“Dopo le minacce – dice uno dei ragazzini – ho paura di uscire di casa se non in compagnia di mio fratello o dei miei genitori. Ho paura di incontrarli per strada e che questi possano picchiarmi violentemente o ferirmi tenuto conto di aver visto anche il coltello”.

AGGRESSIONI E MINACCE

Il ragazzo è stato sentito dal giudice nei giorni scorsi, ha ammesso alcuni degli episodi dicendo di averli commessi come “risposta” e di averli commessi per “difesa”.

Ma il suo cv di studente non è nuovo a fatti simili. Del caso erano stati informati anche i servizi sociali, mentre il primo esposto ai carabinieri per alcune minacce a scuola e per un danneggiamento dei bagni era stato fatto proprio dalla dirigente scolastica a novembre.

Ma negli ultimi mesi la vicenda aveva assunto contorni sempre più preoccupanti. Il giudice minorile contesta all’adolescente “costanti insulti e minacce” ai compagni e anche “costanti aggressioni fisiche con calci e pugni alla schiena, dita infilate nelle orbite degli occhi e prese per il collo”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!