Botte alla moglie per gelosia "ti ammazzo, ti sparo in testa" | Arrestato - Tuttoggi

Botte alla moglie per gelosia “ti ammazzo, ti sparo in testa” | Arrestato

Alessia Chiriatti

Botte alla moglie per gelosia “ti ammazzo, ti sparo in testa” | Arrestato

Lei fugge da casa e trova riparo nel locale dove lavora | I vicini allertati dalle urla chiamano la Polizia
Mar, 28/11/2017 - 22:58

Condividi su:


Botte alla moglie per gelosia  “ti ammazzo, ti sparo in testa” | Arrestato

Maltrattamenti in famiglia e lesioni personali: con queste accuse un uomo, cittadino italiano di 40 anni, è stato arrestato dagli agenti delle volanti della Polizia di Perugia. Il fatto è accaduto nella notte del 25 novembre scorso, intorno alle 3 circa, a Ponte San Giovanni.

Una lite violenta tra l’uomo, con precedenti penali a vario titolo, e la moglie di 29 anni, sfociata nelle botte che la donna ha dovuto subire, tanto da riportare lesioni giudicate guaribili con una prognosi di 30 giorni. Botte per gelosia, per un messaggio ricevuto da lei sul proprio telefono. La notte del 25 novembre, mentre in due erano in casa, lui non ci avrebbe visto più, scagliandosi contro di lei, picchiandola ripetutamente, facendola finire in terra. Lei ha però reagito. E’ riuscita a fuggire da chi già altre volte le aveva fatto del male. Ha raggiunto la sala giochi nella quale lavora, per trovarvi riparo. Ma neppure lì è riuscita ad avere pace.

Il marito l’ha raggiunta e, trovandola nel parcheggio del locale, ha continuato ad inveire contro di lei, prima di passare di nuovo ai fatti e scagliarsi contro con calci e pugni. Un’ira che non esitava a placarsi, nonostante l’arrivo degli agenti delle volanti, allertati dai vicini che avevano udito le forti urla. “Ti ammazzo, ti sparo in testa” avrebbe continuato a urlare l’uomo, fino a quando gli agenti non sono riusciti ad immobilizzarlo e a condurlo in Questura.

Effettuati gli accertamenti di rito, l’uomo è stato arrestato e, su disposizione del magistrato, è stato condotto nel carcere di Capanne.

©Riproduzione riservata


Condividi su:


Aggiungi un commento