Baruffa fuori dal "Di Betto", parla il ragazzo che ha affisso i cartelli: "Volevano linciarci"

Baruffa fuori dal “Di Betto”, parla il ragazzo che ha affisso i cartelli: “Volevano linciarci”

Redazione

Baruffa fuori dal “Di Betto”, parla il ragazzo che ha affisso i cartelli: “Volevano linciarci”

Mer, 21/10/2020 - 10:06

Condividi su:


Baruffa fuori dal Liceo artistico “Di Betto”, dopo la denuncia dell’Unione studenti di Perugia, parla il ragazzo che ha appeso i cartelli: “Io ed un mio amico abbiamo affisso dei manifesti contro la politicizzazione dell’insegnamento nelle scuole, che alcuni studenti hanno interpretato come fascisti, e una folla si è presto raccolta attorno a noi. Una ragazza in particolare, al culmine della tensione, mi ha spinto indietro, e io l’ho gettata a terra, facendola sbattere contro il muro. Questo – si giustifica – non per cattiveria, quanto piuttosto per rimuovere il pericolo immediato di fronte a una trentina di persone circa che voleva linciarci. C’è stata una piccola rissa, ma si è estinta dopo una decina di secondi. La polizia è stata chiamata – conclude lo studente – e le circostanze relative alla legittima difesa sono ancora da determinarsi di fronte al giudice“. 

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!