Abbandona rifiuti edili lungo la strada, imprenditore scoperto e denunciato

Abbandona rifiuti edili lungo la strada, imprenditore scoperto e denunciato

Redazione

Abbandona rifiuti edili lungo la strada, imprenditore scoperto e denunciato

Mer, 16/03/2022 - 11:42

Condividi su:


Allarme ad Attigliano per l'abbandono di rifiuti vicino all'uscita dell'autostrada: carabinieri forestali beccano imprenditore edile

Un’area nei pressi dell’uscita dell’autostrada A1 in Umbria era stata trasformata in discarica abusiva. Una situazione preoccupante segnalata ai carabinieri forestali sia da alcuni cittadini che dal Comune di Attigliano. È così che, dopo varie attività di monitoraggio, i forestali della stazione di Amelia hanno scoperto e denunciato un imprenditore edile.

I controlli sono scattati nel territorio comunale di Attigliano ed in particolare nei pressi dello svincolo autostradale A1. Qui, infatti, c’era una vera e propria discarica abusiva, con anche residui di materiali edili.

Nonostante le difficoltà dovute all’estensione dell’area da controllare e alla distanza dalla sede di competenza giurisdizionale della Stazione Carabinieri Forestale di Amelia, i militari sono riusciti ad individuare il responsabile di uno degli abbandoni. Il titolare di una ditta edile fuori sede, al termine della giornata lavorativa, infatti, è stato beccato mentre, anziché conferire il materiale presso di centri di recupero, sversava il materiale in località Moretta, prima del rientro.

I militari hanno potuto individuare il responsabile con l’ausilio delle telecamere, dove si constatava in maniera inequivocabile il camioncino di proprietà della ditta intento a sversare il materiale. Il titolare, sentito dai Carabinieri forestali, ha a quel punto ammesso le proprie responsabilità.

Essendo rifiuti speciali, l’imprenditore edile è stato deferito all’autorità giudiziaria di Terni, per cui ora sarà elevato il verbale di prescrizioni ambientali, con il quale viene intimato di procedere entro 30 giorni alla rimozione dei rifiuti abbandonati e al loro corretto conferimento ad un centro autorizzato. All’esito della verifica delle prescrizioni, qualora positive, il responsabile dovrà pagare la sanzione pari a 6.500 euro per l’estinzione del reato.

Nell’ultimo mese, i Carabinieri Forestali dell’intera regione hanno eseguito 630 controlli in materia di gestione dei rifiuti, 145 sono state le persone controllate e 59 i veicoli controllati; dai controlli sono state denunciate 6 persone per reati alle normative in materia ed elevati n 19 verbali amministrativi per importi di circa 35.000 euro.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!