Terremoto, la Regione cerca immobili da acquistare

Terremoto, la Regione cerca immobili da acquistare

Avviso pubblico per la presentazione di proposta di vendita di una o più unità ad uso abitativo

È stato pubblicato un bando regionale rivolto ai proprietari di immobili ad uso residenziale che intendono proporre la vendita di alloggi da destinare ad ospitare temporaneamente i soggetti residenti in edifici danneggiati e dichiarati inagibili a causa degli aventi sismici del 24 agosto 2016 e seguenti che hanno fatto richiesta di assegnazione di Soluzioni Abitative Emergenziali (SAE).

Gli alloggi da acquistare devono essere localizzati esclusivamente nei Comuni di Arrone, Cascia, Cerreto di Spoleto, Ferentillo, Montefranco, Monteleone di Spoleto, Norcia, Poggiodomo, Polino, Preci, Sant’Anatolia di Narco, Scheggino, Sellano, Vallo di Nera, Spoleto.

Gli alloggi da acquistare devono avere le seguenti caratteristiche:

  • agibilità o in alternativa conseguire l’agibilità entro 60 giorni dalla promessa di acquisto;
  • non essere locati;
  • non necessitare di interventi di manutenzione straordinaria e/o ristrutturazione;
  • essere accatastati in una delle categorie A/2, A/3, A/4, A/5, A/6;
  • non aver fruito di alcun contributo pubblico per la costruzione e/o recupero, fatto salvo per i fondi relativi alla ricostruzione post-sisma ‘97;
  • essere stati costruiti o ristrutturati successivamente al 1996.

In sede di offerta il proprietario deve indicare il prezzo di vendita a metro quadrato di superficie complessiva.

Per l’avviso e la modulistica si può consultare la documentazione nel sito della Regione: http://www.regione.umbria.it/edilizia-casa/sisma-2016-acquisto-alloggi

Le proposte di vendita devono essere trasmesse o presentate fino al 31 marzo 2017 a:

Regione Umbria – Direzione Governo del territorio e Paesaggio – Protezione civile, Infrastrutture e Mobilità – Servizio Politiche della Casa e Riqualificazione Urbana – Piazza Partigiani 1 – 06121 Perugia

>> Articolo correlato: Terremoto, Regione cerca case a posto delle Sae ma con un paradosso

Stampa