Ripulita e devastata Cittadella sportiva “Belvedere”, indagano carabinieri

Ripulita e devastata Cittadella sportiva “Belvedere”, indagano carabinieri

Danneggiati infissi e ripulite le casse dei vari uffici, dalla zona dei campi da tennis a quella delle piscine

Un vero e proprio furto da film, nella notte appena trascorsa, alla Cittadella sportiva “Belvedere” di via Engels, a Città di Castello. I malviventi hanno letteralmente devastato quasi tutti gli infissi dei vari spogliatoi e scassinato distributori di alimenti e giochi, oltre a ripulire registratori di cassa dei vari uffici, anch’essi messi a soqquadro, dalla zona dei campi da tennis a quella delle piscine, passando anche per il PalaIoan.

I ladri avrebbero da tempo preparato il piano d’azione del colpo, visto anche la vastissima area che sono riusciti a “visitare” completamente indisturbati. Notevoli, ovviamente, i danni. Altrettanto considerevole il bottino, di oltre 1000 euro, portato via. Indagano i carabinieri.

Un gesto gravissimo che offende tutta la comunità tifernate e colpisce prima di tutto gli utenti degli impianti sportivi comunali gestiti da Polisport”, commenta l’assessore allo Sport Massimo Massetti, che di primo mattino con il presidente della società partecipata Angelo Monaldi ha raggiunto il Centro per un sopralluogo. “Già nell’immediatezza della scoperta del fatto sono state attivate tutte le azioni necessarie a riparare i danni e permettere la piena fruizione delle piscine comunali e degli impianti del tennis”, puntualizza Massetti, che ringrazia i Carabinieri tifernati “per il tempestivo intervento e l’avvio immediato delle indagini, attraverso le quali auspichiamo si possano assicurare alla giustizia i responsabili di un episodio inqualificabile e inaccettabile”.

Stampa